ABRUZZO: TERREMOTO E DISASTRI AMBIENTALI, APPELLO E PIATTAFORMA PER INIZIARE LA MOBILITAZIONE PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO

L'aquila -

ERA PREVISTA PER OGGI UNA PRIMA INIZIATIVA DAVANTI ALLE REGIONE ABRUZZO DURANTE I LAVORI DEL CONSIGLIO REGIONALE. In seguito alla mancata convocazione del consiglio regionale ci siamo trovati costretti a rinviare la data del sit-in al prossimo consiglio utile. Nel frattempo abbiamo inviato al Presidente del consiglio regionale ed a tutti i Presidenti di commissione una richiesta d'incontro. Riportiamo l'appello e la proposta di piattaforma per la prima iniziativa prevista all'Aquila: L'Abruzzo cade a pezzi: da tutta la regione davanti al Consiglio regionale Viviamo in una regione che cade a pezzi, letteralmente. A 8 anni dal terremoto dell'Aquila molte delle scuole e degli edifici pubblici non sono sicuri. A questo si sono aggiunte decine di scuole in tutto il territorio, come a Teramo, dove inoltre da mesi sono migliaia le persone sfollate e sgomberate. Per queste ed altre ragioni abbiamo deciso di scendere in piazza e incontrarci a L'Aquila, il prossimo 4 aprile, dalle ore 12, di fronte al Palazzo dell'Emiciclo, sede del Consiglio regionale. Nelle aree interne i paesi rimangono isolati perché franano le strade, sulla costa si aprono voragini anche nei centri storici, come a Chieti. Migliaia di cittadini sono sfollati e sgomberati, mentre si pianificano e realizzano investimenti che portano al profitto di pochi. I territori sono stati messi a dura prova negli scorsi mesi, a causa di politiche pubbliche criminali, lasciate all'abbandono intere zone: in una regione dove terremoti, neve, frane e alluvioni non sono una novità, persino acqua e luce sono mancate per giorni interi a un terzo della popolazione. Le aree interne del paese soffrono di una forte depressione anche per i continui tagli delle risorse pubbliche e per l'atteggiamento predatorio delle imprese private, dedite più al saccheggio che al benessere delle economie locali. E così anche il Corpo dei Vigili del Fuoco è stato penalizzato in questi anni, con la precarizzazione del personale e la riduzione della capacità di intervento. L'Abruzzo è quella regione che si piega ad accettare che il suo territorio diventi terra di conquista di grandi aziende multinazionali, per mega-opere inutili a tutti, tranne ai pochissimi che ne traggono profitti: come nei casi del metanodotto Snam “Rete Adriatica” e dell'elettrodotto Terna, progetti che non producono “sviluppo” ma accrescono i rischi in un territorio già disastrato. A fronte dell'indifferenza di chi ci governa nei confronti della popolazione e del territorio che essa abita, a fronte dell'assenza di un piano di tutela ambientale, preservazione del suolo e messa in sicurezza dell’assetto idrogeologico, a fronte dei livelli drammatici di disoccupazione che subiamo sulla nostra pelle, chiediamo il rispetto del diritto alla vita nei nostri territori. Siamo donne e uomini, individui e associazioni, sindacati, comitati e movimenti, che non vogliono continuare ad essere vittime di mancata prevenzione, di interessi predatori, di risorse drenate verso grandi opere costose e inutili, di mancanza di lavoro. Sappiamo di vivere nei diversi territori quotidianità e peculiarità differenti, ma siamo determinati a non rassegnarci, a non arrenderci, a costruire ogni giorno alternative politiche e sociali. Conosciamo uno ad uno i responsabili dei disagi che vivono gli abruzzesi, ad ogni livello: dal governo centrale fino ai potentati locali. Vogliamo politiche radicalmente differenti e lo affermeremo chiaramente di fronte al massimo organo istituzionale della terra che ci unisce: il Consiglio Regionale. Per questo chiamiamo a raccolta le popolazioni abruzzesi: porteremo anche di fronte al massimo organo istituzionale della regione le nostre proposte di redistribuzione delle risorse e di nuovi investimenti. Appuntamento il 18 aprile di fronte al Consiglio Regionale, a partire dalle ore 12. Sindacato di base Usb, As.i.a.-Usb, Zona 22 , Uallò Uallà, Uds L'Aquila, Link L'Aquila, 3e32 (AQ), CaseMatte, C.P.C. S. Santacroce Teramo, AltreMenti Valle Peligna, Paola Cardelli e Fabio Berardini (cons. comunali Teramo), etc. Piattaforma generale. Per intervenire in modo credibile nella messa in sicurezza del territorio dell'intero paese c'è bisogno dell'impegno del governo nazionale di un piano decennale di finanziamento straordinario di 20 miliardi annui. Senza una inversione di tendenza nelle scelte economiche nazionali difficilmente potremo rilanciare le zone del paese che periodicamente soffrono gli effetti di catastrofi naturali, sempre amplificate dalla mancata azione preventiva dell'uomo. Sul piano locale rivendichiamo: • Impegno da parte della Regione Abruzzo di fondi regionali per l’attuazione di un piano per la ricostruzione, per la messa in sicurezza del territorio a partire dagli edifici pubblici, le scuole e gli ospedali. Un piano di rilancio dei servizi pubblici e di ripristino delle infrastrutture primarie (strade, ponti, ecc.) costituisce la condizione indispensabile per rilanciare l’economia e lo sviluppo locale, favorendo la creazione di centinaia di migliaia di posti di lavoro e per bloccare la fuga delle giovani generazioni; • Utilizzo immediato dei 3,4 miliardi di fondi europei stanziati per il terremoto, spariti nella Legge di Bilancio per coprire invece i buchi provocati dal governo a causa dei regali fatti alle banche, per i quali la UE ha rinunciato al cofinanziamento da parte dell'Italia; • Piano per la ricostruzione delle città e dei paesi gravemente feriti dal terremoto e dai disastri ambientali; messa in sicurezza del patrimonio abitativo pubblico e privato con l'applicazione di criteri antisismici; bonifica delle discariche (a partire da quella di Bussi) che avvelenano centinaia di migliaia di cittadini abruzzesi; • Rientro nei luoghi di provenienza di tutti gli sfollati, requisendo nell’immediato gli immobili pubblici e privati sfitti e blocco delle ordinanze di sfratto; • Moratoria delle imposte e dei tributi nelle zone del cratere (Imu, tassa rifiuti, ecc.) per tutti i cittadini residenti e le piccole attività economiche; • Istituzione di un reddito sociale per tutti coloro che hanno perso il lavoro o le attività lavorative e per i disoccupati; • Valorizzazione del patrimonio paesaggistico e naturale incentivando la microeconomia agrituristica, l’allevamento e i pascoli di montagna, la cura dei boschi, per evitare i numerosi danni alluvionali che si ripetono spesso nel nostro paese e nella nostra regione; • Fermare la logica delle grandi opere e i progetti che mettono a rischio il territorio, come quelli presenti anche all’interno del Masterplan approvato dalla Regione Abruzzo. 18 aprile 2017

TORINO: LA LOTTA DELLA FALCHERA CONTINUA!

Torino -

Dopo un anno di lotta e resistenza da parte degli occupanti di Falchera, organizzati nel Comitato Figli di Micciché e supportati dal nostro sindacato AS.I.A.-USB, siamo contenti di poter dire che ancora una volta la lotta sta portando dei risultati concreti. La lotta per il diritto all'abitare cominciata lo scorso maggio a Falchera ha passato varie e travagliate fasi di conflitto e resistenza a partire dal momento in cui alcune famiglie hanno occupato per necessità le case che ATC aveva lasciato vuote per anni, noncurante delle migliaia di persone che soffrono il disagio abitativo nella città di Torino. Le risposte da parte della giunta Fassino, allora ancora al governo della città, erano infatti state chiare e pesanti: sgomberi, denunce e porte chiuse. Il percorso di quest'anno di lotta ha mostrato tutta la fragilità delle argomentazioni di chi, in questi mesi, ha tentato di criminalizzare queste famiglie. Nuclei familiari e singoli che a causa degli assurdi criteri di selezione per qualsiasi forma di sostegno abitativo, principalmente emergenza abitativa e accesso alle graduatorie delle case popolari, sono state costrette dopo anni di case sovraffollate e sfratti ad occupare alloggi popolari vuoti, garantendo per i propri figli un tetto sopra la testa e condizioni di vita dignitose. In questi mesi con il Comitato Figli di Miccichè siamo andati a bussare alle porte di tutte le istituzioni responsabili di questo stato di emergenza sul piano abitativo ponendo ATC, Regione e Comune di fronte alle proprie responsabilità, mostrando come le attuali politiche abitative escludano fette di popolazione dal diritto ad avere una casa. Grazie alla lotta abbiamo mostrato come questa città sia piena di edifici pubblici vuoti nonostante ci siano famiglie costrette a dormire per strada o in macchina. Dopo vari incontri finiti senza risposte, che ci prospettavano solo la ripresa degli sgomberi, siamo riusciti a fare breccia nella retorica della legalità a tutti i costi, riuscendo ad ottenere che finalmente il comune riconoscesse lo stato di necessità effettivo delle famiglie occupanti e le inserisse in un percorso per rientrare nell'emergenza abitativa e, quindi, per l’ottenimento di una casa popolare. Un percorso collettivo che nei prossimi mesi il Comitato figli di Micciché condurrà unito passando per gli alloggi del Cimarosa recentemente ristrutturati dal Comune di Torino. Se mesi fa eravamo di fronte alla sola prospettiva degli sgomberi violenti senza soluzioni, ora siamo di fronte ad un percorso concreto per garantire il diritto ad una casa popolare per le famiglie del Comitato, una conquista importante che dimostra l'importanza di organizzarsi e lottare per i propri diritti. Un buon segnale da parte di questa nuova amministrazione 5 Stelle che finalmente procede nella direzione giusta a sostegno delle persone in stato di necessità, una risposta che supera finalmente la logica dello sterile legalitarismo che ha bloccato in questi mesi la semplice presa di coscienza di un problema reale che attanaglia questa città. Il percorso del Comitato non si ferma e continueremo questa lotta uniti finché le promesse fatte verranno mantenute, coscienti che solo la mobilitazione e la solidarietà permetteranno di raggiungere i nostri obbiettivi. Sappiamo che questa vittoria non risolverà a livello generale lo strutturale problema abitativo di questa Città, problema che verrà risolto solo grazie ad un ampliamento concreto del numero di case popolari riutilizzando e ristrutturando gli stabili pubblici e privati vuoti, attuando politiche di contrasto alla speculazione immobiliare e modificando i criteri di accesso alle graduatorie. Tuttavia questa conquista rappresenta un passo avanti nella lotta per l'abitare a Torino, una base concreta grazie alla quale rilanciare le prossime lotte. All'ATC spetta ora il compito di assegnare queste case e di non lasciarle nuovamente e criminalmente vuote. Insieme al Comitato attueremo un controllo popolare per garantire che questo avvenga, consci del fatto che finché verranno lasciate case vuote sarà più che legittima l'occupazione da parte di chi un tetto non ce l'ha, soprattutto di quelle case costruite con soldi pubblici. La lotta della Falchera continua, solo la lotta paga!Asia-Usb Torinohttps://www.facebook.com/asiatorinoUSB/photos/a.1677620042481612.1073741827.1677610205815929/1889609901282624/?type=3&theater

ROMA, PDZ CASTELVERDE B4: ANCORA L’INCUBO DELLO SFRATTO PER DECINE DI FAMIGLIE NONOSTANTE LA PREANNUNCIATA REVOCA DELLA CONVENZIONE

Roma -

COMUNICATO STAMPA GIOVEDÌ 20 APRILE, DALLE ORE 8.00, PRESIDIO DI SOLIDARIETA' IN VIA DELLE CERQUETE 180 Nonostante l’annuncio fatto il 4 aprile scorso dall'Assessore all'Urbanistica Luca Montuori che rendeva nota la conclusione della procedura di revoca della Convenzione per il Piano di Zona Castelverde B/4 il prossimo 20 aprile è stata fissata la data per il prossimo accesso dell'Ufficiale Giudiziario con la richiesta di intervento delle forze di polizia. E’ stato concesso un rinvio di soli 14 giorni grazie alla pressione esercitata dal Giudice dell’Esecuzione che tutela gli interessi della Banca Unipol presunta creditrice. I ritardi dell’Amministrazione Capitolina nell’approvazione di questo preannunciato atto di revoca rischia di essere un assist per chi vuole continuare a speculare sull’edilizia pubblica e rendere evanescente il ripristino della legalità nei piani di zona. Solo se il Comune di Roma impugna per presupposta illegittimità l’atto con il quale il Giudice dell’Esecuzione chiede lo sgombero, visto che la Banca presunta creditrice non era abilitata dal Ministero delle Infrastrutture a concedere i mutui alla ditta costruttrice poi fallita, si può mettere fine a questo dramma che vivono ormai da anni decine di famiglie truffate. L’ASIA-USB invita ancora una volta la città solidale a sostenere le famiglie di Castelverde e a partecipare il 20 aprile, a partire dalle ore 8,00, al presidio in via delle Cerquete 180. L'AS.I.A.-USB, i Comitati degli inquilini dei P.d.Z, insieme all’avv. Vincenzo Perticaro, proseguiranno la battaglia perché sia ripristinato lo stato di diritto nei piani di edilizia agevolata. Roma, 18 aprile 2017 ASIA-USB https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=1958762691014184&id=1607618536128603

ROMA: FERMATO LO SGOMBERO DI GIAN LUCA, MALATO DI LEUCEMIA, OSPITE DAL 2008 NEL RESIDENCE A TOR TRE TESTE.

Roma -

BLOCCATO IN TARDA MATTINATA GRAZIE ALL’INTERVENTO DELL’ASIA-USB IL COMUNE DI ROMA LO VUOLE CACCIARE PERCHE’ LO CONSIDERA RICCO CON 6.000 EURO DI ISEE ANNUI. A Tor Tre Teste questa mattina è stato tentato lo sfratto di Gian Luca persona malata di leucemia che viveva in un residence insieme alla sua famiglia. Ricoverato nel residence ne 2008 a causa dello sfratto. Grazie all'intervento di ASIA-USB lo sfratto, nei fatti già eseguito, è stato sospeso grazie all'intervento dell'assessore al patrimonio ed è stata impedita una ingiustizia sociale portata avanti dai Dirigenti comunali che hanno arbitrariamente abbassato il limite di reddito per la permanenza negli stessi residence. Cosi Gian Luca ha potuto riportare le sue cose nel suo piccolo alloggio del residence e ora starà cercando le ragioni di questo accanimento nei suoi confronti da parte della Dirigenza del Comune di Roma che ha dichiarato da tempo la guerra contro i poveri di questa città. Perché è inspiegabile come si possa ritenerlo non avente diritto con un reddito ISEE di 6.000 annui nel 2006. Questi dirigenti sono coloro che, invece di risolvere il problema abitativo nella nostra città, stanno creando nuove emergenze con gli sgomberi nei residence e nelle case popolari. L’assenza di un assessore alla casa nella nostra città favorisce questa guerra ai ceti sociali più deboli e legittima chi questa guerra la sta facendo dietro il paravento del ripristino della cosiddetta legalità, che non vale però – per loro arbitrio - per coloro che hanno acquisito un diritto, come nel caso di Gian Luca. ASIA-USB SPIEGHIAMO QUI SOTTO LA VICENDA DEI RESIDENCE E DI GIAN LUCA, PER CHI VUOLE APPROFONDIRE IL TEMA, SPERANDO CHE SIA UTILE ANCHE PER COLORO CHE VOGLIONO IMPORRE LA LEGGE DELLA GIUNGLA IN UNA CITTA' CHE HA BISOGNO DI POLITICHE PUBBLICHE PER L'ABITARE. Oggetto: Appunti situazione Frezza Alcuni riferimenti - Con Delibera Cons. Comun. N. 154 1997 hanno trasformato l’assistenza alloggiativa da risposta temporanea all’emergenza casa, in attesa di assegnazione di un alloggio popolare, a “Intervento a sostegno della famiglia e alla persona. - Con delibera n. 163 del 1998 hanno approvato il Nuovo Regolamento di intervento assistenziale denominato: "Intervento di sostegno economico per il superamento dell'emergenza abitativa" stabilendo per il 1998 il limite di reddito di L. 21.000.000 milioni (che era lo stesso delle case popolari, oggi divenuto di 20.340 €, che viene calcolato sottraendo dal reddito lordo da lavoro dipendente primo 2000 euro a figlio a carico e poi il 40%). L’unica traccia sul limite di reddito, che tra l’altro segue esattamente quello che stabiliscono le norme in materia, sta in questa delibera. Supponiamo però che gli uffici del Comune di Roma, successivamente, abbiano stabilito il nuovo limite di reddito a 18.000 euro lordi richiamandosi - a distanza di anni - al D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 109, che per i servizi assistenziali alla persona dava la possibilità agli enti locali di stabilire i criteri di accesso (quindi supponiamo anche il limite di reddito), ma questi criteri per gerarchia non possono andare contro le norme regionale e statali. Questa delibera già nel 1998 nelle disposizioni transitorie recitava cosi: Ai nuclei familiari già ospitati nei Residences Privati Convenzionati e successivamente ammessi al "contributo" verrà riconosciuta interamente l'anzianità del "Servizio di Assistenza Alloggiativa" reso dall'Amministrazione Comunale ai fini di una eventuale "Riserva" per l'assegnazione di alloggi di E.R.P. SI RICONOSCEVA GIA’ DA ALLORA IL DIRITTO ALL’ASSEGNAZIONE DI UN ALLOGGIO E.R.P. (Edilizia Residenziale Pubblica) - Nel 2005 viene approvata la delibera n. 110 con la quale istituiscono i Centri di Assistenza Abitativa Temporanea (C.A.A.T.), dove hanno ospitato Frezza - Fino al 2013 nulla è cambiato nella gestione dei Residence e i limiti di reddito erano sempre gli stessi, quelli dell’edilizia pubblica (allora di 18.000 euro netti) - Nel settembre del 2013 viene approvata dalla Giunta Marino la delibera n. 368 che dice tutt’altre cose rispetto a quello che stanno facendo oggi gli uffici. Riportiamo alcuni passaggi: “è intendimento della Amministrazione Capitolina trasformare gli interventi di sostegno abitativo forniti tramite le suddette strutture (i CAAT) in assegnazione in locazione di alloggi di ERP ….” e “Che la cessazione dei contratti di locazione dei suddetti C.A.A.T. con 328 nuclei familiari in uscita impone di procedere, comunque, nell’immediatezza, all’individuazione di una sistemazione alloggiativa alternativa”; ancora “di dare mandato agli Uffici del Dipartimento Politiche Abitative di attivare le procedure per l’assegnazione degli immobili rilasciati, recuperati ed acquisiti al patrimonio destinato all’edilizia residenziale pubblica a favore degli ospiti dei C.A.A.T. aventi titolo, nel rispetto della normativa vigente” - Ma da questo momento in poi, invece di trovare una soluzione abitativa per gli ospiti dei CAAT (tra questi Frezza), come recita la suddetta delibera di indirizzo, hanno iniziato ad applicare la revoca per tutti coloro che superavano i limite di reddito di 18.000 euro lordi, i quali con redditi lordi annui non superiori ai 33.000 euro avrebbero dovuto già avere una casa popolare; NEL 2014 IL REDDITO CONTESTATO A FREZZA E STATO DI € 22.873,00 LORDI. - Gian Luca Frezza ha avuto un danno non solo per il mancato rispetto dei diritti acquisiti e riconosciuti nella lunga antologia degli atti di impegno del Comune di Roma che abbiamo fin ora menzionato (dell’assegnazione della casa agli ospiti dei Residence se ne parla da decenni, da quando sono nati), ma anche alla luce della Delibera di Giunta della Regione Lazio n. 18 del 2014 che ha approvato un piano di emergenza che impegna fondi anche per il superamento dei residence: la delibera recita così al punto “8. procedere, ai fini dell’attuazione del programma per l’emergenza abitativa per Roma capitale di cui al precedente punto 2, di concerto con Roma capitale e l’ATER competente, entro 60 giorni alla pubblicazione del presente atto, alla compilazione di una rilevazione analitica delle situazioni di emergenza presenti nel territorio di Roma capitale, suddivise nelle seguenti categorie: - nuclei familiari, anche formati da una sola persona, inseriti nella graduatoria per l'assegnazione di alloggio popolare di Roma Capitale sulla base del Bando Generale anno 2000 ed ancora in attesa di assegnazione di alloggio ERP; - nuclei familiari, anche formati da una sola persona, che alloggiano presso i Centri di Assistenza Alloggiativa Temporanea di Roma capitale alla data del 31 dicembre 2013; - nuclei familiari, anche formati da una sola persona, che vivono in immobili, pubblici o privati, impropriamente adibiti ad abitazione alla data del 31 dicembre 2013; LA REVOCA DELL’ASSISTENZA ALLOGGIATIVA DANNEGGIA DOPPIAMENTE IL SIG. FREZZA. CON QUESTA DELIBERA VIENE SANCITO IL SUO DIRITTO AD AVERE UNA CASA, CHE PERDEREBBE SE VIENE SFRATTATO. Alcune considerazioni di ASIA-USB: crediamo che i due dirigenti di quel dipartimento, che hanno firmato la revoca a Frezza, stiano applicando in modo singolare e arbitrario le norme: agitano il vessillo della legalità facendo una guerra spietata ai poveri (e non alla povertà come vorrebbe una attenta politica pubblica per la casa), cercando di criminalizzare gli ospiti dei CAAT facendoli passare tutti per imbroglioni; questo per giustificare la loro incapacità di affrontare (non ci azzardiamo a dire risolvere) il problema della casa nella capitale del nostro paese. Per questo sono lautamente pagati. A questi signori abbiamo segnalato più volte appartamenti comunali vuoti che a distanza di anni non vengono ancora assegnati. Dovrebbero spiegare alla città di Roma perché, loro dirigenti e anche l’ex-Sindaco Marino che tutto ha mosso, finché pagavano 2700 euro al mese ai proprietari (36 milioni circa ogni anno per circa 1.100 nuclei) per ogni famiglia ospitata in veri e propri tuguri tutto era regolare e nessuna revoca è stata fatta. Quando si è deciso di chiudere questo scandalo dei residence non sono stati in grado di impegnare questi soldi in modo più lecito e fruttuoso per la città, in soluzioni abitative vere e, quasi per vendicarsi del mancato affare per i proprietari delle strutture ospitanti (i famosi CAAT) e le loro confraternite venute alla luce con Mafia Capitale, hanno cominciato la guerra ai suoi ospiti, il settore sociale più debole della nostra città.

CASA ROMA. IL COMUNE CHIUDE LA PROCEDURA DI REVOCA DELLA CONVENZIONE ANCHE PER IL PDZ CASTELVERDE B/4

Roma -

AI TEMPI SUPPLEMENTARI, SI SPERA NON A TEMPO SCADUTO, IL COMUNE DI ROMA FINALMENTE CHIUDE LA PROCEDURA DI REVOCA DELLA CONVENZIONE ANCHE PER IL PDZ CASTELVERDE B/4. GIOVEDì 6 APRILE, DALLE ORE 8.30, PRESIDIO DI SOLIDARIETA' IN VIA DELLE CERQUETE 180 Con un comunicato stampa (che riportiamo più in basso) l'Assessore all'Urbanistica Luca Montuori rende noto che anche per il Piano di Zona Castelverde B/4 è conclusa la procedura di revoca della Convenzione e che per il giorno 6 aprile, data fissata per il prossimo accesso dell'Ufficiale Giudiziario, i cittadini interessati non potranno temere nessuna azione di forza per gli sfratti perché, assicura, verranno bloccati in seguito a questa chiusura del procedimento. L'ASIA-USB esprime piena soddisfazione per questo atto che, seppur arrivato con un inspiegabile ritardo, “in zona Cesarini” se si usa un termine sportivo, si spera sia sufficiente a fermare le mire di chi ha assecondato fino ad oggi la truffa dei piani di zona, gli intereressi dei costruttori (coop. e società) e delle banche che hanno negato il diritto alla casa e alla città per centinaia di migliaia di famiglie romane e del Lazio. Per vigilare su una giornata che potrebbe riservare delle sorprese, per non lasciare sole queste famiglie in un momento delicato e decisivo per il loro futuro, invitiamo - però - tutti a partecipare il 6 aprile a partire dalle ore 8,30 al presidio in via delle Cerquete 180. L'AS.I.A./USB continuerà la sua battaglia, insieme all’avv. Vincenzo Perticaro, perché vengano alla luce tutte le modalità truffaldine con cui sono stati realizzati questi piani di edilizia agevolata, le complicità di chi non ha perseguito le violazioni e applicato le conseguenti sanzioni, comprese le revoche delle concessioni e delle convenzioni, come prevede la legge. L’approvazione della prima revoca per Tor Vergata e quella di Castelverde è il segnale che si è imboccata la strada giusta, ora è necessario proseguire su questa strada per impedire che altri alloggi finiscano nelle grinfie delle banche e degli speculatori. A Spinaceto Due, Castel Giubileo, Castelverde 2, Longoni, Borghesiana, Ponte Galeria, Tor Vergata, Montestallonara, La Storta, Collefiorito, Osteria del Curato - e tanti altri p.d.z. - bisogna riportare la certezza del diritto alla casa a alla città, abitazioni a prezzi agevolati e urbanizzazioni. ASIA-USB COMUNICATO STAMPA Piano di Zona Castelverde. Montuori: cittadini non saranno sfrattati, firmato provvedimento stop sgomberi Roma, 4 aprile 2017 - "I cittadini del Piano di Zona Castelverde b/4 non saranno sfrattati dalle loro abitazioni. Abbiamo ufficializzato e inviato in Prefettura un atto, che a breve andrà in Assemblea Capitolina, con cui l'Amministrazione blocca il procedimento di sgombero delle famiglie all'interno degli appartamenti, annullando l'assegnazione delle aree e di conseguenza revoca la convenzione per il diritto di superficie alla società CEE, Costruzioni Edilizie Europee, stipulata precedentemente con Roma Capitale". Così in una nota l'assessore all'Urbanistica e Infrastrutture, Luca Montuori. "La questione dei Piani di Zona è tra le principali urgenze di questa amministrazione: tutelare i cittadini è tra le nostre priorità".

CASA, P.D.Z. CASTELVERDE: ALTRI 3 ALLOGGI VENDUTI ALL'ASTA. PERCHE' LA GIUNTA RAGGI NON COMPLETA LA REVOCA E APPLICA LA LEGGE?

Roma -

COMUNICATO STAMPA AS.I.A./USB: A ROMA ANCORA DETTANO LEGGE GLI INTERESSI DELLA SPECULAZIONE E DELLE BANCHE A DANNO DELLA CITTA’ E DEL DIRITTO ALLA CASA! Roma,  30 marzo 2017 Ancora 3 alloggi del PdZ Castelverde B4 venduti all’asta questa mattina, in tutto 10 appartamenti sottratti a cittadini che li hanno acquistati al prezzo stabilito dalle norme che regolano i piani di edilizia agevolata. E’ un fatto grave ed inaccettabile la cui responsabilità primaria la porta l’Amministrazione capitolina e la Regione Lazio che non hanno applicato la legge e eseguito i controlli previsti, hanno lasciato agire impunemente speculatori e banche sul proprio patrimonio pubblico. La stessa Giunta Raggi ha avviato con incomprensibile ritardo, e ancora non ne ha completato l’iter, la revoca delle concessioni, così come è previsto dalla convenzione firmata in applicazione della legge. Le famiglie sono state lasciate in balia di se stesse, nelle mani del Tribunale Fallimentare e degli interessi privati e illegittimi, che hanno agito contro cittadini che hanno pagato le loro case. L'ASIA-USB ha scritto nei giorni scorsi al nuovo Assessore all’urbanistica per chiedere un incontro urgente e un intervento per fermare l’asta per le case di Castelverde e l’accelerazione delle procedure di revoca. La risposta è stata quella di oggi: nuove case vendute all’asta. Un danno nei confronti della collettività che l’Amministrazione pubblica sta di fatto coprendo impedendo il ripristino della legalità. Prendiamo atto che nella nostra città, nonostante le promesse fatte dalla Giunta capitolina, le numerose inchieste giornalistiche e televisive, l'inchiesta della magistratura, ancora la fanno da padrone gli interessi degli speculatori e delle banche. L'AS.I.A.-USB ha presentato nelle settimane scorse un altro esposto nei confronti del Sindaco di Roma e del Presidente della Regione Lazio per denunciare l’omissione della legge sull’edilizia agevolata, la mancanza dei controlli previsti e il danno erariale derivante da questa omissione. Per ASIA-USB Angelo Fascetti

CASA ROMA, PDZ LONGONI: NONOSTANTE LA NOTIFICA DELL'INDAGINE PER TRUFFA ROBERTA, MADRE DI DUE FIGLI MINORI, DOMANI RISCHIA ANCORA LO SFRATTO.

Roma -

Comunicato stampa AS.I.A/USB: FERMARE GLI SFRATTI E LA TRUFFA DEI PIANI DI ZONA. l'on. Roberta Lombardi SARA’ DI NUOVO PRESENTE al presidio in difesa di madre disoccupata Roma, 20 marzo 2017 Nonostante la notifica del procedimento di indagine in corso da parte della magistratura penale alla società costruttrice Sette Costruzioni S.p.A. (PdZ Longoni) per i reati di truffa, continua lo sfratto per Roberta Maggi e la sua famiglia. Domani 20 marzo a Roma, in via Fillia 27 (Piano di Zona Longoni), l'AS.I.A./USB sarà in presidio dalle ore 8.30 per impedire l’ennesimo sfratto di una madre di due minori, disoccupata. Al presidio sarà ancora presente l'onorevole Roberta Lombardi, che nel luglio 2015 aveva stabilito la sua residenza parlamentare presso l'abitazione della signora Maggi. Gli immobili dei Piani di Zona sono stati realizzati per essere assegnati a famiglie in emergenza abitativa, su terreno del Comune di Roma e con il contributo di finanziamenti pubblici (regionali, ministeriali o europei). Ma gli inquilini o gli acquirenti, nonostante le numerose opposizioni presentate dall'avvocato Vincenzo Perticaro, subiscono sfratti per morosità dopo aver pagato per anni dei canoni di locazione o prezzi di vendita molto più alti di quelli del libero mercato, talvolta per alloggi senza abitabilità, senza servizi e senza allaccio in fogna. L'AS.I.A./USB continua la battaglia per l’applicazione delle norme in materia di edilizia agevolata, che prevedono per le violazioni sanzioni e revoche delle concessione, e sarà ancora una volta a fianco di Roberta e di tutti gli abitanti dei Piani di Zona. L’approvazione della prima revoca per Tor Vergata è un importante passo avanti, ora è necessario proseguire su questa strada, accelerare le procedure di revoca avviata per Castelverde e rendere operativa la Commissione d’inchiesta che analizzi le violazioni commesse da società e coop. costruttrici per tutti i piani di zona.. L'AS.I.A/USB ribadisce che è incomprensibile il silenzio della Regione Lazio che non ha ancora mosso un dito nella direzione del ripristino della legalità e per bloccare gli sfratti. La gestione dell’emergenza casa e delle politiche dell’edilizia pubblica (come quella agevolata nei PdZ) è trattata come se non fosse materia regionale, come prevede invece il Titolo V della Costituzione, e viene quindi lasciato al solo intervento della magistratura. ASIA-USB

PIANI DI ZONA A ROMA, LA MAGISTRATURA CHIUDE ALTRI TRE FASCICOLI, 15 INDAGATI TRA DITTE, COOP E DIRIGENTI COMUNALI.

Roma -

ASSORDANTE IL SILENZIO DEL COMUNE E DELLA REGIONE LAZIO. Arrivano le prime notifiche di chiusure delle indagini ex art. 415 bis c.p.p. con le prime formali contestazioni dei reati, sia nei confronti dei costruttori che nei riguardi dei responsabili dell’ufficio urbanistica del Comune di Roma. Le denunce tutte presentate dall’avv. Vincenzo Perticaro nell’interesse degli inquilini da sempre assistititi dal punto di vista sindacale da Asia Usb. Un primo fascicolo vede indagato per truffa aggravata ai danni degli inquilini, truffa aggravata ai danni dello Stato il sig. Sette Claudio e la società Sette Costruzioni spa. Per il Comune di Roma sono indagati il dott. Andreangeli Marcello e Frontani Maurizio per il reato di omissioni di atto di ufficio. Un secondo fascicolo vede indagati Farina Riccardo e Bencini Giulio in concorso per il reato di truffa aggravata ai danni degli inquilini e truffa aggravata ai danni dello Stato. Per il Comune di Roma sono indagati Andreangeli Marcello, Francesca Bedoni Saveria, Frontani Maurizio e Mancini Luciano per il reato di omissioni di atto di ufficio. Mentre il Consorzio AIC è indagato per il reato di truffa aggravata ai danni degli inquilini e truffa aggravata ai danni dello Stato. Un terzo fascicolo vede indagati Arcidiacono Giovanni, Vallo Gabriele e Carrassi De Villar Emanuele in concorso per il reato di truffa aggravata ai danni degli inquilini e truffa aggravata ai danni dello Stato. Per il Comune di Roma sono indagati Andreangeli Marcello e Frontani Maurizio per il reato di omissioni di atto di ufficio. Le società Provera e Carrassi spa e Immobiliare Guido D’Arezzo risultano indagate per il reato di truffa aggravata ai danni degli inquilini e truffa aggravata ai danni dello Stato. ASIA-USB

NAPOLI IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA UNA MOZIONE PER L'APERTURA DI SPORTELLI PER LA MANUTENZIONE DELLE CASE POPOLARI

Napoli -

NAPOLI IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA UNA MOZIONE PER L'APERTURA DI SPORTELLI PER LA MANUTENZIONE DELLE CASE POPOLARI. ASIA-USB ESPRIME PREOCCUPAZIONE PER LA MANCANZA DI FONDI CHE RISCHIA DI FERMARE LA GIÀ SCARSA GESTIONE DELLE CASE. Di fronte a una situazione di forte disagio e carenza di risorse pubbliche per opere di risanamento e manutenzione delle case popolari del Comune di Napoli, oggi nel corso del Consiglio Comunale si è riusciti a strappare - grazie ad un presidio di movimenti di lotta per il lavoro, il reddito e la casa - un importante ordine del giorno. L’obiettivo dell’atto è di istituire degli Sportelli del Comune che possano rispondere, nelle Municipalità con più alto tasso di edilizia popolare, alle numerose richieste di intervento di manutenzione per tutelare il patrimonio comunale ad uso residenziale di edilizia popolare. Nel concreto si chiede l’apertura di Sportelli della società partecipata Napoli-Servizi nelle VII e IX municipalità, che siano attrezzati di piccole squadre PIC (Pronto intervento case), con personale formato per interventi di piccola manutenzione per gli alloggi ad uso residenziale. Territori e quartieri dove da tempo i movimenti per il diritto all’abitare sono presenti con Sportelli di assistenza legale e fiscale agli abitanti e inquilini. Siamo lieti che l’Amministrazione abbia dato una prima risposta politica su questo tema per questo motivo continueremo a vigilare sul tema del diritto all’abitare, dell’erogazione del servizio pubblico e dell’opposizione ai processi di privatizzazione. Nel contempo esprimiamo grosse preoccupazioni per un articolo apparso sul quotidiano de "la Repubblica" in cui si fa nota che da inizio febbraio la Napoli-Servizi, società che gestisce i 23 mila alloggi popolari, fermerà le manutenzioni straordinarie. Scrive la Napoli-Servizi che “vista la grave situazione di liquidità aziendale l’azienda può attivare solo interventi di piccola manutenzione ordinaria rinviando gli interventi di natura straordinaria”. Una notizia che da un lato ci preoccupa, visto l’attacco storico che da anni subiscono le aziende partecipate, ma, dall’altro, a fronte dei continui proclami da parte della Giunta De Magistris di voler difendere le aziende partecipare e di rompere i Patti di Stabilità, ci impone di dover spingere nei confronti dell’amministrazione affinchè sfori i vincoli del Patto di Stabilità e difenda le Società Partecipate, i servizi erogati ai cittadini e gli attuali livelli salariali dei lavoratori delle partecipate. Asia USB Napoli ovest

ROMA PIANI DI ZONA, AS.I.A-USB DIFFIDA LA SINDACA RAGGI E IL PRESIDENTE ZINGARETTI

Roma -

ROMA PIANI DI ZONA, AS.I.A-USB DIFFIDA LA SINDACA RAGGI E IL PRESIDENTE ZINGARETTI: FERMARE LA COLPEVOLE OMISSIONE DA PARTE DEL COMUNE E DELLA REGIONE LAZIO DELLE NORME SULL'EDILIZIA AGEVOLATA CHE FAVORISCE LA SPECULAZIONE, CREA UN DANNO ERARIALE PER LA CITTÀ E GETTA NEL DISAGIO ABITATIVO DECINE DI MIGLIAIA DI FAMIGLIE COLPITE DA QUESTA TRUFFA. Nota: rendiamo pubblica questa lettera di diffida perché alle precedenti richieste di incontro non abbiamo ricevuto riscontro. Al Sindaco di Roma Capitale Virginia Raggi Al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti E p.c. Procuratore Generale Corte dei Conti ATTO DI DIFFIDA Il sottoscritto Angelo Fascetti con la presente, in qualità di legale rappresentante dell’associazione ASIA - USB, è intenzione rappresentarVi la gravissima situazione che, in questo particolare momento storico, stanno affrontando le famiglie beneficiarie del programma di edilizia residenziale pubblica nel territorio capitolino. Giova ricordare prima di tutto in cosa consiste l’edilizia economica-popolare. Per edilizia residenziale pubblica (ERP) si intende quella realizzata, direttamente o indirettamente, dallo Stato, per la creazione, a costi ridotti, di abitazioni da assegnare, a condizioni economiche particolarmente favorevoli, a cittadini con redditi bassi o che si trovino in condizioni economiche disagiate. Invece in questa Regione e soprattutto in questa città i beneficiari sono stati altri, non certamente i fruitori finali del beneficio: gli inquilini. Perché, come si dirà in seguito, sono stati applicati agli inquilini canoni elevatissimi, prezzi massimi senza alcun controllo di Regione e Comune e, ma ancor di più, nell’assoluta violazione di legge. I Piani per l’Edilizia Economica e Popolare (c.d. PEEP), che nascono come degli strumenti urbanistici esecutivi di uno impianto programmatico che si estende alle aree necessarie per il soddisfacimento del fabbisogno abitativo per i ceti meno abbienti, hanno finito per perdere tale finalità. Il loro scopo era risolvere l’emergenza abitativa sul territorio nazionale, offrendo ai cittadini la possibilità di accedere a canoni di locazione calmierati rispetto al libero mercato e successivamente procedere poi all’acquisto degli stessi, mentre a causa dell’inerzia voluta o non, dei vigilanti si è trasformata in una chiara speculazione immobiliare a danno della collettività. Vorrei ricordare che l’edilizia agevolata prevede la sottoscrizione di atti registrati e trascritti sugli immobili con cui il Comune di Roma Capitale concede il diritto di superficie. Atti quali: 1) la Convenzione, che regola il diritto di superficie e stabilisce gli oneri concessori, di urbanizzazione e fideiussori; 2) il Disciplinare, che regola i meccanismi e le norme che deve rispettare la Società costruttrice nella gestione degli immobili edificati grazie al finanziamento pubblico; 3) l’Atto d’obbligo, che detta tutte le regole da applicare alla locazione di tali alloggi. Tutti atti firmati da un dirigente del Comune che certifica la veridicità di quanto in essi contenuto. Questi atti contengono tutta la normativa da applicare ai Piani di Zona e prevedono anche uno specifico sistema sanzionatorio, contenuto all’art. 14 del Disciplinare, per le ipotesi in cui le imprese costruttrici violino le disposizioni della Convenzione. Questo sistema sanzionatorio non è mai stato applicato, con evidente danno per le casse di Comune e Regione e di conseguenza per i cittadini. Sembra che tali atti siano stati sconosciuti agli uffici della Regione e del Comune, visto che sono rimasti inapplicati fino ad oggi con evidente responsabilità. Infatti, continua a sfuggirvi che Roma Capitale e la Regione Lazio hanno un preciso obbligo di vigilanza e controllo sull’operato delle Società concessionarie - costruttrici. Sempre per rinfrescare il ricordo, la Regione Lazio deve: Vigilare sulla gestione amministrativo-finanziaria della società fruenti di contributi pubblici al fine di assicurarsi che non vengano poste in atto condotte atte alla speculazione del patrimonio pubblico ai sensi dell’art. 4, lett. e), L. 457/78; Esercitare il controllo sul rispetto da parte dei soggetti incaricati della realizzazione dei programmi di edilizia abitativa fruenti dei contributi pubblici, delle procedure e dei vincoli economici e tecnici stabiliti per la realizzazione dei medesimi programmi e ad accertare il possesso dei requisiti da parte dei beneficiari dei contributi dello Stato ai sensi dell’art. 4, lett. m), L. 457/78. Mentre Roma Capitale deve: Controllare e vigilare la regolarità della documentazione depositata; Vigilare sul rispetto degli obblighi assunti con la Convenzione; Applicare le sanzioni previste in caso di violazioni ai sensi dell’art. 14 del Disciplinare. Qualora voleste maggiori conferme, quanto detto lo ribadisce più volte anche lo stesso Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con nota prot. n. 0011931 del 31.11.2015, chiarisce che: “…relativamente a tutte le fattispecie di interventi di edilizia agevolata la Regione Lazio e la stessa Roma Capitale sono gli organi preposti al controllo e alla vigilanza affinché vi sia un’effettiva e corretta applicazione della normativa di settore e delle convenzioni stipulate. E’ noto infatti che a seguito del trasferimento delle funzioni avvenute con il d.lgs. n. 112/1998 e della soppressione del CER (Comitato per l’Edilizia Residenziale) il sistema di governance dell’intervento e di gestione in materia di edilizia residenziale è posto in capo ai competenti Uffici di Settore, ora operanti nell’ambito delle strutture della Regione Lazio e di Roma Capitale…” . In data 30 novembre con nota n. 11931 lo stesso MIT ha poi ribadito che: “…relativamente a tutte le fattispecie di interventi di edilizia agevolata la Regione Lazio e la stessa Roma Capitale sono gli organi preposti al controllo e alla vigilanza affinché vi sia un’effettiva e corretta applicazione della normativa di settore e delle convenzioni stipulate… di conseguenza, le attività di vigilanza e di controllo per le quali è contestata l’inerzia della P.A., nella fattispecie imputata a Roma Capitale, è riconducibile agli aspetti contrattuali e quindi esercitata nell’ambito del Testo unico degli Enti locali di cui al d.lgs 18 agosto 2000, n. 267, Titolo VI, Capo I, tra cui si cita l’art. 136 in materia di poteri sostitutivi per omissione o ritardo di atti obbligatori, per i quali è previsto l’intervento della Regione…” Eppure, a dispetto della puntuale e precisa normativa, gravi truffe sono state perpetrate per anni nei confronti dei conduttori e dei promissari acquirenti, nonché ai danni dello Stato, Regione e Comune, il tutto nell’inerzia delle istituzioni da voi rappresentate con un evidente danno che pagheranno le prossime generazioni. Se qualche dirigente regionale o comunale ha pensato bene di dire, per giustificare la mancata applicazione della legge, che si è trattato solo di singoli casi, siamo qui a ribadire ancora una volta che dette violazioni hanno riguardato quasi la totalità dei piani di zona realizzati negli ultimi decenni, in particolar modo i Piani di Zona di Spinaceto Due, Pisana, Monte Stallonara, ad oggi sottoposti a sequestro, Castelverde e Torvergata sottoposte ad esecuzioni e pignoramenti senza che nessuno dei Vs. uffici ha mai mosso un dito. Le truffe, mentre i dirigenti dei VS. uffici guardavano dall’altra parte, sono state perpetrate dalle Società costruttrici, atteso che quest’ultime, nell’omissione di Comune e Regione: a) hanno omesso di scomputare il contributo pubblico ricevuto dal calcolo del prezzo massimo di cessione; b) hanno applicato canoni di locazione e prezzi massimi di cessione più alti rispetto a quelli ex lege dovuti; c) non hanno provveduto a realizzare le opere di urbanizzazione primarie e secondarie; d) hanno applicato maggiorazioni sul prezzo massimo di cessione, inserendo migliorie agli immobili e agli stabili mai realizzate o hanno gonfiato i costi di costruzione. e) hanno omesso di inviare alle Pubbliche Amministrazioni competenti la documentazione obbligatoriamente richiesta, al fine di poter verificare la correttezza delle attività svolte; f) non hanno inoltrato le richieste di agibilità, collaudo e certificazioni attestanti la conformità degli appartamenti alle normative edilizie; g) hanno assegnato e/o venduto gli alloggi a soggetti senza requisiti. Nulla di tutto ciò è stato denunciato dagli uffici competenti di Regione e Comune. Ed infatti, a seguito dell’accesso agli atti di Regione e Comune esercitato dagli inquilini proprio al fine di verificare il rispetto delle norme, sono affiorati fascicoli incompleti, manchevoli delle perizie previste per legge o contenenti documenti lacunosi, talvolta privi di data e numero di protocollo; certificazioni di migliorie apportate agli edifici con firme falsificate; attestazioni non corrispondenti al vero, provenienti da dirigenti di Comune e Regione. Di fronte a tale situazione di grave illegalità le Amministrazioni competenti sono state silenti! Lei, Sindaco Virginia Raggi, ci dirà che è arrivata solo pochi mesi fa alla guida della Capitale, noi Le chiediamo da quella data cos’ha fatto il Comune? Perché da quella data sono state sfrattate decine di famiglie incolpevoli, senza che nessuno facesse nulla. Presidente Zingaretti Lei no, non può dire che è arrivato qualche mese fa. Il Comune di Roma e la Regione Lazio che sarebbero dovute intervenire tempestivamente al fine di applicare, così come previsto dal citato art. 14 del Disciplinare e così come ribadito più volte dal MIT, le sanzioni indicate per le ipotesi di violazioni delle Convenzioni, hanno avuto invece un atteggiamento di totale inerzia e connivente, rimpallando l’una sull’altra le responsabilità di vigilanza e controllo, omettendo qualsiasi tipo di intervento, anzi attuando un atteggiamento omissivo con evidente responsabilità penale. Preme rammentare, a tal proposito, se è vero che il Comune è il primo a dover intervenire con una serie di sanzioni, tra cui la revoca delle concessioni edilizie, è altrettanto vero che, per precisa previsione normativa, in caso di inattività dello stesso Comune è obbligo della Regione impedire il protrarsi delle violazioni nell’inerzia. Allora se il Comune non ha impedito la prosecuzione della truffa la Regione ad oggi cos’ha fatto? Anzi, qualcosa la Regione ha fatto: ha autorizzato conferimenti a fondi immobiliari, quando era consapevole che vi erano pendenti procedimenti penali per truffa. Tutto ciò con la consapevolezza che tali alloggi non avevano i requisiti per essere compravenduti. Caro Presidente Zingaretti la Sua Regione prima di lei, ha finanziato le Società costruttrici, attraverso danaro pubblico, con circa 1 miliardo e mezzo di euro a FONDO PERDUTO per edilizia pubblica. Si fondo perduto, lasciateci fare una battuta pur trattandosi di cose serie, nel senso che quei soldi sono andati veramente PERDUTI e non hanno mai avuto la finalità che aveva previsto la legge, e la sua Regione nulla ha fatto per impedirlo. Di fronte all’inerzia delle istituzioni, sono state presentate a partire dal 2012 una serie di denunce, la prima quella del Consorzio Vesta che ha portato al sequestro di tutto il patrimonio del consorzio e sempre attraverso una denuncia dell’avv. Vincenzo Perticaro nell’interesse di Asia USB, esposti attraverso i quali è stato chiesto alla Procura di Roma di indagare sulle condotte appena descritte e la magistratura è intervenuta disponendo, come nei Piani di Zona di Spinaceto anche in quello di Monte Stallonara, il sequestro degli immobili. I casi denunciati non si limitano solo ai piani di zona oggetto di sequestro come detto in precedenza ma attraverso l’avv. Perticaro e questa Associazione ne sono stati denunciati oltre 25 episodi diversi. I numerosi filoni di inchiesta, al momento sono all’attenzione del Procuratore Capo, dott. Pignatone, che si è espresso in occasione della recente “Commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di sicurezza e sullo stato di degrado delle città e delle loro periferie”, segnalando la gravità della situazione attuale nella quale gli inquilini risultano vittime di truffa, avendo pagato per anni cifre esorbitanti, su richiesta illegittima dei costruttori, per alloggi costruiti in edilizia agevolata e privi dei requisiti di agibilità. Procura che, se ci fosse stato l’intervento delle istituzioni preposte, non sarebbe dovuta intervenire. Ma vi è di più. I concessionari provvedevano in molti casi a sfrattare per morosità e a procedere all’esecuzione del rilascio degli immobili di inquilini che quelle case le avevano pagate ben oltre il prezzo massimo di cessioni ed in alcuni casi con dei crediti vantati da questi ultimi. Si perché in moltissimi casi, quegli alloggi risultano già in larga parte pagati dai cittadini, avendo gli stessi versato ingenti somme richieste dalle Società costruttrici per giungere al rogito della compravendita dell’immobile. Senza contare che la speculazione messa in atto dai costruttori cagiona un ingente danno anche alle casse dello Stato. Avete problemi di Bilancio e per questo Roma ha rischiato il default. Ci si chiede perché non avete applicato le sanzioni che prevedono ingenti risarcimenti per le casse degli enti che rappresentate? Vi ricordate che le Società costruttrici hanno ricevuto non solo un cospicuo contributo pubblico per la realizzazione degli immobili, ma sono, inoltre, concessionarie di un diritto di superficie sul territorio comunale ed hanno usufruito, nel tempo, di numerose agevolazioni fiscali? Avete mai fatto una verifica se le somme che i costruttori dovevano pagare quali: Oneri concessori; Oneri di urbanizzazioni Sono mai state versate? Le polizze che dovevano essere consegnate a garanzia di tali pagamenti esistono? Vi risultano? Si tratta di miliardi di euro di risarcimenti. CHIEDE Alle S.S.V.V. Illustrissime di voler fissare un incontro urgente, visto che ogni giorno la cittadinanza coinvolta vive una situazione di grave emergenza, al fine di poter conoscere quali sono le iniziative che si intende prendere per affrontare e risolvere le problematiche segnalate, anche alla luce del preciso dovere di vigilanza sussistente in capo a Comune e Regione sul rispetto delle Convenzioni stipulate con le imprese costruttrici. Distinti saluti. Roma, 3 marzo 2017 Per Associazione Inquilini e Abitanti (ASIA – USB) Angelo Fascetti (Legale Rappresentante)

TORINO: LA GIUNTA APPENDINO SGOMBERA IL CENTRO POPOLARE MICCICHE'

Torino -

ASIA-USB TORINO: lo sgombero del Centro Popolare Tonino Micciché e un fatto grave. La polizia è intervenuta su richiesta della giunta comunale, nonostante per oggi era previsto un incontro in comune. Ancora una volta si dimostra come sono trattate le periferie: lo stabile comunale viene così riconsegnato alla polvere e al degrado, piuttosto che renderlo uno spazio destinato alla collettività, in un quartiere abbandonato a se stesso, tra disoccupazione, sfratti e inquinamento. Oggi è una bella dimostrazione delle politiche di cambiamento di questo comune.. www.nuovasocieta.it/cronaca/ecco-il-primo-sgombero-targato-appendino-il-centro-popolare-micciche/ Ecco il primo sgombero targato Appendino: il Centro Popolare Micciché di A.D. Mentre si discute in queste settimane come legalizzare, con l’appoggio della Giunta, gli occupanti-artisti della Cavallerizza Reale, arriva il primo sgombero targato Chiara Appendino Non si tratta di un centro sociale, ma di uno sportello casa e lavoro, il “Centro Popolare Tonino Micciché”, per le famiglie senza un tetto o con la minaccia di sfratto. Domenica scorsa all’alba era stato occupato in periferia, a Pietra Alta, quartiere Barriera di Milano, in via Cavagnolo 9, un vecchio circolo abbandonato da tempo. Una struttura che non aveva trovato un futuro dopo che il bando per la nuova assegnazione era andato deserto: troppo costosi i lavori di ristrutturazione. Così gli attivisti del sindacato autonomo Asia-Usb in prima fila sulle problematiche abitative e lavorative, hanno “liberato lo spazio” per far nascere il Centro Popolare che prendeva il nome da Tonino Micciché, “il sindaco della Falchera”, il militante di Lotta Continua, tra i più attivi nei comitati casa, ucciso nel 1974 da una guardia giurata. Ma mentre nel Centro Popolare iniziavano i lavoro di ristrutturazione dei locali, dall’ufficio comunale competente, quello sul Patrimonio, è partita immediata la denuncia. La questura così ha proceduto allo sgomberato lampo di via Cavagnolo 9. Tre gli uomini identificati all’interno. «Lo sgombero è avvenuto su richiesta della giunta comunale nonostante oggi avessimo un incontro in comune – spiegano da Usb – Ancora una volta si dimostra come si preferisca riconsegnare alla polvere e al degrado uno stabile comunale, piuttosto che renderlo uno spazio destinato alla collettività in un quartiere abbandonato a se stesso tra disoccupazione sfratti e inquinamento. Oggi è una bella dimostrazione delle politiche di cambiamento di questo comune».

“BASTA MORIRE DI DISASTRI AMBIENTALI”, L'AQUILA: INCONTRO SABATO 4 MARZO ORE 17,00

Teramo -

CONCLUSIONI DELL'ASSEMBLEA DI TERAMO DEL 18 FEBBRAIO 2017 L’Assemblea riunitasi a Teramo, il 18 Febbraio 2017, ha discusso dei disastri ambientali che periodicamente investono l’Abruzzo e tutto il paese nella sistematica assenza di una politica incentrata sulla prevenzione e la tutela del territorio in cui si vive, si cresce e si lavora: DI FRONTE all’abbandono nel quale sono state lasciate intere zone a forte rischio sismico, neve, frane e alluvioni dove il sistema di approvvigionamento elettrico, acqua e comunicazioni è venuto meno anche a causa della gestione dei già esigui fondi per la ricostruzione erosi da ripetuti episodi di corruzione; DI FRONTE all’indifferenza della politica nei confronti della tutela ambientale, del suolo e alla salvaguardia dell’assetto idrogeologico; DI FRONTE all’assenza di una programmazione politica di sviluppo organico del territorio e al conseguente spopolamento delle zone interne, al deperimento delle infrastrutture, all’abbandono dei terreni agricoli e alla scarsità dei servizi essenziali (scuole, sanità, ecc); DI FRONTE all’allontanamento della politica rispetto alla crisi delle attività produttive dell’entroterra abruzzese stiamo assistendo al tracollo delle stesse e all’incremento di insostenibili percentuali legate alla disoccupazione strutturale con particolare tragicità rispetto a quelle giovanili; DI FRONTE alla precarizzazione del corpo dei Vigili del Fuoco, alla marginalizzazione della loro funzione nel contesto della protezione civile e della mancata programmazione di una puntuale politica sulla prevenzione pubblica … L’ASSEMBLEA CONVOCA UNA RIUNIONE A L’AQUILA SABATO 4 MARZO ALLE ORE 17,00 NELLA SEDE DEL C.S. CASEMATTE (COMITATO 3 E 32), VIALE COLLEMAGGIO, CON IL SEGUENTE O.D.G.: - Costruzione di una piattaforma di lotta con al centro i temi dell’agricoltura, della salute, della scuola e della viabilità e contro i megaprogetti (Terna/Snam/Bussi, ecc) che non producono “sviluppo” ma accrescono i rischi rendendo ulteriormente insicuro un territorio già disastrato. L’obiettivo è quello di realizzare un grande piano del lavoro per la tutela e il risanamento del territorio e delle sue infrastrutture; - strutturazione di una rete regionale e interregionale nella quale possano organizzarsi comitati, associazioni, sindacati e realtà popolari conflittuali che operano in zone a rischio di disastro ambientale o che ne siano già state vittime; - programmazione di iniziative e mobilitazioni che rimettano al centro dell’agenda REGIONALE e NAZIONALE le rivendicazioni dei cittadini colpiti da eventi meteorologici e sismici avversi con la prioritaria richiesta di interventi strutturali risolutivi! SONO INTERVENUTI: Ing. G. Miconi VVFF Abruzzo; Ing. Giambuzzi Nuovo Senso Civico Lanciano; A. Bonanni 3.32 Aq; Prof. Farabollini Geologo Univ. Camerino; G. Lutrario USB Rm; R. Di Nicola Forum Acqua PE; T. Andrisano Parco della Majella Sulmona Aq; P. Cardelli Consigliere Comune di Teramo; V. Di Girolamo Centro Politico Santacroce TE; G. Cremaschi Eurostop; L. Iasci Zona22 Lanciano; N. Commentucci Operatrice Agriturismi Aq; I. Castelnuovo Banca Etica; F. Valente Agricoltore Tagliacozzo Aq; G. Marcadonna Comitato Cittadini per l'Ambiente Sulmona Aq; A. Nevoso Asia Abruzzo; S. Zampardi Ass. Via del Sale Onlus; M. Fars Brigate di Solidarietà Attiva; D. Cacchioni Altrementi Valle Peligna.

Milano. Iniziativa all’Aler: Stop alla vendita delle case popolari!

Milano -

Comitato Abitanti San Siro – Asia Milano Questa mattina abbiamo voluto denunciare ancora una volta la gestione criminale e corrotta del patrimonio pubblico da parte di Aler. Negli ultimi due anni sono state vendute 1500 case popolari, e il piano di Aler prevede di venderne 10mila entro il 2019. Mentre crescono gli sfratti e i senza tetto, loro pensano a vendere le case di cui ci sarebbe bisogno, per pagare un debito creato da anni di malagestione e corruzione. Abbiamo voluto contrapporre le loro facce e i loro malaffari con le nostre storie, figlie di questa città, dei suoi quartieri popolari, della crisi che colpisce tutti noi a partire da chi si trova giovane senza futuro, fino ad arrivare a chi ha lavorato una vita per non riuscire a pagare l’ennesimo aumento dell’affitto. LEGGI IL VOLANTINO DELL’INIZIATIVA Nuovo presidente, stesso sistema corrotto Parliamo di ALER. Dell’azienda che dovrebbe gestire l’edilizia popolare nella città di Milano, nella regione Lombardia.Di quella azienda che ha visto nella sua storia personaggi invischiati in mille malaffari, indagati per corruzione, turbativa d’asta, appalti truccati, legami con ‘ndrangheta. Ed è proprio notizia di ieri che l’ex assessore alla casa Domenico Zambetti è stato condannato a 13 anni e mezzo con l’accusa di aver comprato quattromila voti alla `ndrangheta per le regionali del 2010. Tutto ciò non ci stupisce: da anni denunciamo questa sistema corrotto che punta il dito per coprire le proprie responsabilità su chi soffre realmente l’emergenza abitativa, pronto a condannare chi non ha un redditto sufficiente, chi occupa per necessità e autorecupera un alloggio popolare. Aler è responsabile di un buco di bilancio di circa 400milioni di euro, i suoi vertici sono stati indagati ripetutamente per turbativa d’asta e favoreggiamenti, dimostrando ancora una volta che la priorità di questa azienda è il profitto e non la necessità di tutelare le popolazioni piu fragili fino ad arrivare a ipotecare 4000 alloggi popolari per coprire le speculazioni immobiliari di pochi soliti noti. Negli ultimi anni ben 1500 alloggi sono stati venduti: un’ assurdità vendere ciò che è stato costruiro con i soldi dei cittadini, uno schiaffo alle famiglie in difficoltà se si considera l’emergenza abitativa: 23 000 mila famiglie in graduatoria, un fabbisogno di case popolari sempre in aumento, migliaiia di provvedimenti di sfratto ogni anno, e una crisi che colpisce sempore piu persone Le nostre storie parlano di precarietà abitativa e lavorativa, del fatto che alcuni di noi hanno un contratto, altri non hanno una casa, altri ancora aspettano da anni che venga applicata la commissione prevista dall’art 34 comma 8, per regolarizzare chi ha occupato per necessità. Altri hanno la casa pignorata, hanno subito uno sfratto e ora il loro nucleo vive diviso in cimunità sovraffolate. Le nostre storie sono figlie di questa città, dei suoi quartieri popolari, della crisi che colpisce tutti noi a partire da chi si trova giovane e senza fiuturo finio ad arrivare a chi ha lavorato una vita per non riuscire a pagare l’ ennesimo aumento dell’affitto e della bolleta. Le soluzioni ci sono: * Blocco di sfratti e sgomberi * Stop alla vendita delle case popolari * Assegnazione di tutte le case vuote * Sanatoria per tutti gli occupanti per necessità BASTA CASE SENZA PERSONE BASTA PERSONE SENZA CASE. Comitato Abitanti San Siro – Asia Milano vedi video: youmedia.fanpage.it/video/aa/WJyMAuSwhmwdtu4K

A FIANCO DEI COMPAGNI DI LIVORNO: ASSEMBLEA CITTADINA SABATO 11 FEBBRAIO

Livorno -

A fine dicembre la Procura di Livorno ha denunciato 13 attivisti dell’ASIA/USB, da tempo impegnati nelle lotte per la casa ed in difesa dei precari e disoccupati della città. Le denunce sono arrivate a conclusione di una dettagliata indagine condotta dalla DIGOS cittadina e costruita attorno alla denuncia di due donne che si sono rivolte alla questura in seguito al fatto che erano state allontanate da una delle occupazioni di Livorno. Dalla lettura del voluminoso fascicolo che la questura di Livorno ha confezionato attorno a questa indagine si intuisce come una parte cospicua del personale sia stato dedicato all’inchiesta: hanno cioè deciso di investire uomini e risorse senza badare a spese, nella convinzione della grande rilevanza del tema. Pedinamenti, appostamenti, intercettazioni telefoniche e reperimento di testimonianze: un’attività investigativa in grande stile. La domanda che viene spontanea è: perché? Perché si decide di dedicare tanto tempo e tante risorse ad una questione di così poca rilevanza? La risposta sta nel crescente protagonismo della federazione USB di Livorno, nella sua capacità di misurarsi con la questione abitativa ma contemporaneamente di allargare lo sguardo al mondo della disoccupazione e della precarietà. In una città in fortissima crisi come Livorno, con un tasso di disoccupazione alle stelle, questo attivismo e questa capacità attrattiva spaventano gli organi di sicurezza e costringono a correre ai ripari. L’affermazione nelle ultime elezioni comunali del 2014 di un sindaco Cinque Stelle era già stato un segnale che nella città sono crescenti sia il disagio sociale che la disaffezione nei confronti delle forze che risultano compromesse con il sistema. Ora che il cambiamento sul piano amministrativo è risultato incapace di produrre significative novità sul piano sociale, la soluzione “di polizia” diventa l’unica strada per contenere la rabbia ed impedire che crescano le simpatie verso l’organizzazione sindacale indipendente. Peraltro le modalità dell’inchiesta e soprattutto i reati ipotizzati segnalano il tentativo di ulteriore torsione delle norme penali all’interesse tutto politico del soffocamento del conflitto sociale. Come a Roma o in altre città si sta ricorrendo all’uso del codice antimafia per comminare misure di sorveglianza speciale agli attivisti del movimento per la casa, così a Livorno si ricorre alle norme anti stalking, contro la violenza sulle donne, per limitare l’agibilità politica del sindacalismo indipendente. Non c’è limite alla fantasia ed alla creatività di giudici che con grande scioltezza utilizzano fattispecie di reato elaborate per ben altri contesti. Cosa c’entra la legge contro la violenza sulle donne con le forme di autogestione che le famiglie di inquilini/occupanti si danno dentro le occupazioni? Eppure, non potendo intervenire per sgomberare un palazzo costruito su una falda acquifera, costato centinaia di migliaia di euro alle casse pubbliche e sostanzialmente inutilizzabile, e nel quale sono riparate famiglie senza casa, la procura inventa un nuovo teorema per provare a mettere in cattiva luce chi lotta per il diritto all’abitare. ASIA/USB è impegnata in moltissime città a contrastare sfratti e sgomberi e a difendere il diritto ad un alloggio decente. Sabato 21 gennaio si è tenuta a Roma l’Assemblea cittadina dei delegati e ha deciso i prossimi passaggi del nostro lavoro e per promuovere, tutti assieme, la risposta più adeguata a questo infame tentativo di criminalizzare chi lotta per i diritti e la giustizia sociale. Il primo appuntamento lanciato: ASSEMBLEA CITTADINA SABATO 11 FEBBRAIO ORE 16,00 PRESSO ARENA ASTRA PIAZZA LUIGI ORLANDO LIVORNO

METTERE IN SICUREZZA IL TERRITORIO PER NON MORIRE PIÙ DI DISASTRI AMBIENTALI: ASSEMBLEA SABATO 18 FEBBRAIO A TERAMO

Teramo -

Se si impegnano ulteriori 20 miliardi per salvare quattro banche significa che i soldi ci sono. Vogliamo che 20 miliardi all'anno per almeno 10 anni siano spesi per mettere in sicurezza il territorio, per costruire e ricostruire case sicure, per un vasto rimboschimento, per la salvaguardia idrogeologica, per un piano di valorizzazione dei territori e delle attività produttive tipiche, per un rinnovato sistema di soccorso e di prevenzione basato sul corpo dei vigili del fuoco e non su privati legati alle più svariate cordate partitiche. 200 miliardi per salvare l'ambiente e vite umane e al tempo stesso per creare centinaia di migliaia di posti di lavoro. Ne discutiamo il 18 febbraio a Teramo dalle ore 10.30 alle 18.00 presso la Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Teramo, Via Vincenzo Comi 11, con esperti e con la popolazione. APPELLO LANCIATO DA USB E ASIA NELLE SETTIMANE PASSATE.BASTA IPOCRISIA E RETORICA SU TERREMOTO E NEVE: ORGANIZZIAMO UN CONFRONTO SULLE COSE DA FARE Non solo terremoti e nevicate eccezionali ma anche e soprattutto un territorio devastato e violentato da abusi edilizi, disboscamenti, piani regolatori non rispettati o inesistenti, e poi procedure, sistemi e mezzi di emergenza assolutamente inadeguati. Questo è il “bel paese” sotto i nostri occhi in questi giorni e diventa sempre più insopportabile l'ipocrisia e la retorica del “ora è il tempo di salvare le vite, poi discuteremo delle responsabilità” che si leva da governo, istituzioni e gran parte delle forze politiche e dei media. Quel “poi” non arriva mai e ogni volta si ripete sempre la stessa storia: promesse, dichiarazioni roboanti, patetici appelli alla solidarietà e poi tutto nel dimenticatoio. Noi non ci stiamo. Certo all'inizio si devono salvare le vite e siamo stati tutti felici di vedere quei bambini uscire dalla montagna di neve che li aveva seppelliti. Certo siamo orgogliosi di avere dei vigili del fuoco e dei soccorritori che si sacrificano giorno e notte, spesso scavando con le mani. Non ne possiamo più però delle raccolte di soldi per i terremotati: le abbiamo organizzate anche noi ma siamo convinti che uno stato che spende 20 miliardi per salvare qualche banca non dovrebbe aver bisogno delle “collette” di privati cittadini, non dovrebbe far passare 6 mesi per montare 25 (venticinque) casette di legno ad Amatrice, non dovrebbe attendere giorni (e neanche tante ore) per far arrivare mezzi di soccorso in un territorio dove nevicava da giorni e a forte rischio sismico, non dovrebbe permettere la distruzione delle economie locali come sta avvenendo in quei territori dove gli allevament di animali che rappresentano per molti l'esclusivo sostentamento, sono abbandonati al loro destino. La magistratura indagherà su eventuali responsabilità specifiche ma quelle che denunciamo sono responsabilità politiche che coinvolgono i governi degli ultimi decenni. Se in Giappone un terremoto del 7° grado produce qualche lieve ferito e da noi eventi molto meno gravi fanno centinaia di vittime, significa che è il sistema di prevenzione che non funziona. Sarebbe necessario un piano decennale di risanamento complessivo del territorio, di rimboschimento, di manutenzione dei sistemi idrici, di verifica preventiva dello stato degli edifici nelle zone a rischio sismico. Una verifica che dovrebbe poi produrre lavori di adeguamento sismico quando possibile e di ritiro dell'abitabilità quando impossibile con costruzione di altre abitazioni a carico dello stato. Si dovrebbero dotare gli enti locali, magari consorziandoli, di mezzi adeguati per gli interventi preventivi senza aspettare che gli spazzaneve arrivino da centinaia di chilometri di distanza. Anche l'emergenza dovrebbe essere riportata ad un sistema totalmente pubblico, efficace ed adeguato, basato non sull'attuale “protezione civile” che per molti versi è legato ai partiti e alla burocrazia ma principalmente sul corpo dei vigili del fuoco che dovrebbe essere fortemente rinforzato in mezzi moderni e uomini, con presidi fissi sul territorio, con strumenti e procedure adeguate a tutte le emergenze. Tutto ciò produrrebbe decine di migliaia di posti di lavoro stabili, contribuendo così anche alla ripresa economica di territori che in molti casi vivono in situazioni di forte disagio sociale, di sottosviluppo e di fortissima disoccupazione. Se i soldi si trovano per le banche, a maggior ragione devono essere trovati per rendere vivibile il paese, per prevedere un risanamento complessivo dell'ambiente e degli edifici, per costruire un sistema di emergenza realmente efficace e legato al territorio. USB ha elaborato una proposta di legge, gia depositata alla camera, sulla protezione civile e la prevenzione e nella quale proponiamo l'avvio di una massiccia opera di risanamento idrogeologico a livello nazionale e messa in sicurezza del tertitorio prevalentemente sismico assumendo giovani con le professionalità necessarie e utili come geometri, ingegneri, architetti, geologi etc. Di tutto questo vogliamo parlare e per questo organizzeremo presto un confronto pubblico che vorremmo si tenesse in contatto diretto con quei territori violentati dal terremoto e dall'ingordigia dell'uomo e dalla ricerca del profitto a tutti i costi. Un confronto al quale chiederemo di partecipare anche esperti geologi e ricercatori e i vigili del fuoco, i veri professionisti dell'emergenza.USB e ASIA

ROMA: GIOVANE DONNA CON DUE FIGLI MINORI DOMANI RISCHIA LO SFRATTO. AS.I.A/USB, L'INGIUSTIZIA NEI PIANI DI ZONA NON HA FINE.

Roma -

Anche l'on. Roberta Lombardi al presidio in difesa di madre disoccupata Roma, 6 febbraio 2017 Domani 7 febbraio a Roma, in via Fillia 27 (Piano di Zona Longoni), l'AS.I.A./USB sarà in presidio dalle ore 8.30 contro lo sfratto di Roberta Maggi, disoccupata e madre di due minori. Sono passati appena due mesi dall'ultimo accesso dell’Ufficiale Giudiziario e di nuovo torna l'incubo dello sfratto per Roberta e per i suoi figli, di cui uno con problemi di handicap. Al presidio sarà ancora presente l'onorevole Roberta Lombardi, che nel luglio 2015 aveva stabilito la sua residenza parlamentare presso l'abitazione della signora Maggi. Proprio a difesa di tale ingiustizia sociale si era schierata la deputata M5S, una forte iniziativa apprezzata da tutti coloro che si battono contro la truffa dei P.d.Z e la povertà dilagante nella nostra città. Nonostante l'indagine in corso da parte della magistratura penale su almeno 28 piani di Zona (è passata solo qualche settimana dal sequestro degli immobili a Monte Stallonara), che riguarda anche la società costruttrice Sette Costruzioni S.p.A. (PdZ Longoni) per i reati di truffa, corruzione e concussione, il giudice civile ha confermato l'esecuzione dello sfratto per Roberta Maggi e la sua famiglia. Gli immobili dei Piani di Zona sono stati realizzati per essere assegnati a famiglie in emergenza abitativa, su terreno del Comune di Roma e con il contributo di finanziamenti pubblici. Ma gli inquilini o gli acquirenti, nonostante le numerose opposizioni presentate dall'avvocato Vincenzo Perticaro, subiscono sfratti per morosità dopo aver pagato per anni dei canoni di locazione o prezzi di vendita molto più alti di quelli del libero mercato, talvolta per alloggi senza abitabilità, senza servizi e senza allaccio in fogna. L'AS.I.A./USB, di fronte a questa vergognosa ingiustizia che sembra non aver fine, sarà ancora una volta al fianco degli abitanti dei Piani di Zona. L'AS.I.A/USB chiede che la Giunta intervenga con atti concreti e definitivi per bloccare tutti gli sfratti e per il ripristino della legalità. Per ASIA-USB

ROMA E’ SBILANCIATA, 7 FEBBRAIO ASSEMBLEA IN CAMPIDOGLIO. QUANTO PESANO I DIRITTI?

Roma -

E' stato da poco approvato il bilancio della città di Roma con grande soddisfazione della giunta. Noi invece siamo preoccupati perché riteniamo che i diritti, soprattutto quelli sociali, abbiano pesato troppo poco nei conti del più grande Comune d'Italia. Le raccomandazioni dei revisori dell'OREF e la spinta a stare dentro i vincoli l'hanno fatta da padrone ancora una volta, costruendo un bilancio in piena continuità con quelli degli ultimi anni. Perché le questioni sociali, dalla casa al lavoro, i due grandi temi che stanno a cuore a migliaia di romani, non entrano dentro i calcoli della giunta? Il 4 ottobre si organizzò una grande assemblea popolare in Campidoglio che voleva essere un invito all'amministrazione a collaborare con i cittadini ed i movimenti sociali per provare a cambiare il volto della città. La giunta rispose chiudendo le porte e la sala della Protomoteca. Dopo altri quattro mesi purtroppo i segnali di un cambiamento vero non si sono avvertiti, mentre i drammi sociali continuano a mordere. Non basta il rispetto delle procedure per produrre un'inversione di tendenza rispetto ai tagli ai servizi sociali, ai licenziamenti, alla disoccupazione di massa, agli sfratti ed alla disperazione delle periferie. Più legalità non si traduce automaticamente in maggiore giustizia sociale e questo comporta un pericoloso sentimento di disillusione. Cittadini e lavoratori aspettano segnali forti di controtendenza e questi non si sono ancora manifestati. Anzi. La vicenda Almaviva così come il rischio di nuovi forti esuberi in Alitalia segnalano che la tendenza alla perdita di posti di lavoro non si è arrestata, né del resto è cominciata una nuova politica di investimenti nei servizi pubblici che potrebbe non solo risanare il cattivo funzionamento degli stessi ma anche ridurre i numeri di una disoccupazione dilagante. Sul fronte abitativo tutto è fermo tranne la politica degli sfratti. Non si interviene per fermare la politica speculativa sul patrimonio degli enti privatizzati e dei fondi immobiliari. I soldi destinati all’emergenza casa non vengono utilizzati, il patrimonio di case popolari resta esiguo e invece di allargarlo si alimenta la guerra tra poveri con la politica degli sgomberi. Sui Piani di Zona infine, dove il ripristino della legalità potrebbe effettivamente garantire più giustizia sociale, l’amministrazione si muove con imbarazzante lentezza, che finisce per favorire chi ha speculato. Serve un grande movimento che rimetta il tema dei diritti e delle questioni sociali al centro dell’agenda cittadina. Occorre che le tante vertenze sociali, ambientali e culturali della città trovino la modalità giusta per collegarsi e invertire l’ordine dei fattori: prima i diritti, poi l’equilibrio di bilancio. L’assemblea di martedì 7 febbraio nella sala della Protomoteca in Campidoglio è promossa oltre che dall’USB, anche dalla Carovana delle Periferie, da Diritto alla Città e da Salviamo il Paesaggio. Appuntamento alle ore 15.30 ROMA E’ SBILANCIATA Martedi 7 febbraio torniamo im Campidoglio Sulle priorità e le scelte sulla città pesano ancora troppo gli interessi dei poteri forti e poco o nulla le esigenze popolari. Il bilancio e le scelte della giunta comunale lasciano troppe cose come stavano prima. L’aria a Roma deve cambiare. MARTEDI 7 FEBBRAIO TUTTE E TUTTI IN CAMPIDOGLIO Le forze che hanno promosso l’assemblea del 4 ottobre scorso in Campodoglio, danno appuntamento per una Assemblea popolare, martedi 7 febbraioo alle ore 15.30 alla Sala della Protomoteca convocata da Carovana delle Periferie, Decide Roma, Unione Sindacale di Base, Forum Salviamo il Paesaggio.

BASTA IPOCRISIA E RETORICA SU TERREMOTO E NEVE: ORGANIZZIAMO UN CONFRONTO SULLE COSE DA FARE

Roma -

Appello dell'Unione Sindacale di Base Non solo terremoti e nevicate eccezionali ma anche e soprattutto un territorio devastato e violentato da abusi edilizi, disboscamenti, piani regolatori non rispettati o inesistenti, e poi procedure, sistemi e mezzi di emergenza assolutamente inadeguati. Questo è il “bel paese” sotto i nostri occhi in questi giorni e diventa sempre più insopportabile l'ipocrisia e la retorica del “ora è il tempo di salvare le vite, poi discuteremo delle responsabilità” che si leva da governo, istituzioni e gran parte delle forze politiche e dei media. Quel “poi” non arriva mai e ogni volta si ripete sempre la stessa storia: promesse, dichiarazioni roboanti, patetici appelli alla solidarietà e poi tutto nel dimenticatoio. Noi non ci stiamo. Certo all'inizio si devono salvare le vite e siamo stati tutti felici di vedere quei bambini uscire dalla montagna di neve che li aveva seppelliti. Certo siamo orgogliosi di avere dei vigili del fuoco e dei soccorritori che si sacrificano giorno e notte, spesso scavando con le mani. Non ne possiamo più però delle raccolte di soldi per i terremotati: le abbiamo organizzate anche noi ma siamo convinti che uno stato che spende 20 miliardi per salvare qualche banca non dovrebbe aver bisogno delle “collette” di privati cittadini, non dovrebbe far passare 6 mesi per montare 25 (venticinque) casette di legno ad Amatrice, non dovrebbe attendere giorni (e neanche tante ore) per far arrivare mezzi di soccorso in un territorio dove nevicava da giorni e a forte rischio sismico, non dovrebbe permettere la distruzione delle economie locali come sta avvenendo in quei territori dove gli allevament di animali che rappresentano per molti l'esclusivo sostentamento, sono abbandonati al loro destino. La magistratura indagherà su eventuali responsabilità specifiche ma quelle che denunciamo sono responsabilità politiche che coinvolgono i governi degli ultimi decenni. Se in Giappone un terremoto del 7° grado produce qualche lieve ferito e da noi eventi molto meno gravi fanno centinaia di vittime, significa che è il sistema di prevenzione che non funziona. Sarebbe necessario un piano decennale di risanamento complessivo del territorio, di rimboschimento, di manutenzione dei sistemi idrici, di verifica preventiva dello stato degli edifici nelle zone a rischio sismico. Una verifica che dovrebbe poi produrre lavori di adeguamento sismico quando possibile e di ritiro dell'abitabilità quando impossibile con costruzione di altre abitazioni a carico dello stato. Si dovrebbero dotare gli enti locali, magari consorziandoli, di mezzi adeguati per gli interventi preventivi senza aspettare che gli spazzaneve arrivino da centinaia di chilometri di distanza. Anche l'emergenza dovrebbe essere riportata ad un sistema totalmente pubblico, efficace ed adeguato, basato non sull'attuale “protezione civile” che per molti versi è legato ai partiti e alla burocrazia ma principalmente sul corpo dei vigili del fuoco che dovrebbe essere fortemente rinforzato in mezzi moderni e uomini, con presidi fissi sul territorio, con strumenti e procedure adeguate a tutte le emergenze. Tutto ciò produrrebbe decine di migliaia di posti di lavoro stabili, contribuendo così anche alla ripresa economica di territori che in molti casi vivono in situazioni di forte disagio sociale, di sottosviluppo e di fortissima disoccupazione. Se i soldi si trovano per le banche, a maggior ragione devono essere trovati per rendere vivibile il paese, per prevedere un risanamento complessivo dell'ambiente e degli edifici, per costruire un sistema di emergenza realmente efficace e legato al territorio. USB ha elaborato una proposta di legge, gia depositata alla camera, sulla protezione civile e la prevenzione e nella quale proponiamo l'avvio di una massiccia opera di risanamento idrogeologico a livello nazionale e messa in sicurezza del tertitorio prevalentemente sismico assumendo giovani con le professionalità necessarie e utili come geometri, ingegneri, architetti, geologi etc. Di tutto questo vogliamo parlare e per questo organizzeremo presto un confronto pubblico che vorremmo si tenesse in contatto diretto con quei territori violentati dal terremoto e dall'ingordigia dell'uomo e dalla ricerca del profitto a tutti i costi. Un confronto al quale chiederemo di partecipare anche esperti geologi e ricercatori e i vigili del fuoco, i veri professionisti dell'emergenza.USB Confederale

ROMA: REVOCARE SUBITO LE CONCESSIONI NEI PIANI DI ZONA PER BLOCCARE GLI SFRATTI E LE ASTE

Roma -

COMUNICATOPDZ TOR VERGATA: AVVIATA SOLO QUESTA MATTINA LA PROCEDURA DI REVOCA DELLA CONCESSIONE  STESSO SCENARIO PER CASTELVERDE DOPO LE NUMEROSE ENUNCIAZIONI Si è tenuto ieri, fino a tarda sera, l’incontro convocato dall’assessore Paolo Berdini sul pdz Tor Vergata, tra i dirigenti dell’Urbanistica, la cooperativa Lega San Paolo, gli otto inquilini del p.d.z., in presenza di ASIA-USB, l’avv. Perticaro, i consiglieri del M5S Pietro Calabrese e Simona Ficcardi. L’obiettivo preannunciato dell’appuntamento era quello di tentare un accordo di transazione, che doveva basarsi sul prezzo massimo di cessione. La realtà che ci siamo trovati davanti era surreale: il Presidente della coop. candidamente ha richiesto, di fronte all’assessore, ai dirigenti dell’Urbanistica ed ai consiglieri, un accordo di transazione per la cifra di euro 140/150 mila oltre al prezzo massimo di cessione, già versato dagli inquilini. Un invito palese alla violazione della legge, la stessa proposta avanzata nel medesimo tentativo fatto dall’assessore Caudo nel 2013, senza che nessuno è andato a denunciarli. Questo palese comportamento arrogante ha fatto venire allo scoperto l’assessore Berdini che solo a questo punto ha annunciato che avrebbe fatto partire la revoca, quindi sconfessando le sue dichiarazioni precedenti che le revoche fossero già partite. Stesso scenario il giorno prima con Castelverde: solo dopo una animata discussione e i tentativi di avanzare ipotesi gettate li senza un reale riscontro (es. l’entrata in campo della Cassa Depositi e Prestiti, i soliti noti!!), lo stesso assessore Berdini ha di fatto ammesso che la procedura di revoca non era ancora partita. L’avvio della procedura di revoca delle concessioni alle ditte truffatrici nei Piani di Zona, impegno tante volte assunto e a ieri ancora disatteso, resta l'unico strumento nelle mani della giunta capitolina per impedire queste ripetute ingiustizie. Da tempo richiediamo, lo abbiamo ribadito ieri, un tavolo tecnico per analizzare tutte le situazioni, ma ad oggi abbiamo solo impegni formali e pochi fatti L’unica strada che si può percorrere, come abbiamo dimostrato ancora una volta, è l’applicazione della legge. Ma a questo punto se non si recupera il tempo perso in inutili annunci, c'è il rischio che l'intervento possa avvenire troppo tardi. Questa mattina abbiamo notizie che sono partite finalmente le procedure di revoca. Avviate le revoche il Comune deve richiedere al Tribunale fallimentare e a quello delle esecuzione la sospensione degli sfratti e dell’asta, è l'unica strada per fermare gli sfratti. L’Asia Usb, dopo la vicenda di Monte Stallonara, che dimostra la gravità di questa truffa che colpisce decine di migliaia di abitanti delle periferie romane e non, chiama gli inquilini resistenti alla mobilitazione per la tutela del diritto alla casa nella nostra città. Indice un picchetto per difendere le otto famiglie sotto sfratto, nonostante abbiano pagato le loro case come previsto dalla legge, del pdz di Tor Vergata lunedì 23, a partire dalle ore 7.00, in via Marcello Gallian 20. Roma 20 gennaio 2017 ASSOCIAZIONE INQUILINI E ABITANTI – USB

ROMA. SENZA UNA POLITICA PER L’ABITARE RIMANE SOLO L’USO DELLA FORZA PUBBLICA

Roma -

Scontri Tiburtina: tensioni durante picchetto antisfratto di san basilio „ COMUNICATO STAMPA  Sventato ennesimo sfratto a San Basilio Sindaca Raggi: basta guerra tra poveri Stamattina era previsto un nuovo sfratto a San Basilio ai danni della signora Eleana, gravemente malata di tumore, che vive abusivamente da 5 anni in una casa popolare a San Basilio. Ripristino della legalità, tuonano dagli uffici del patrimonio. No, guerra tra poveri, rispondono gli abitanti di San Basilio considerando che la signora aveva dieci punti, cioè il massimo, nella vecchia graduatoria per accedere ad una casa popolare. Occorre assegnare gli appartamenti vuoti innanzitutto e poi procedere rapidamente ad allargare il patrimonio di case popolari, oggi enormemente insufficiente. Gli abitanti di San Basilio, organizzati con l'ASIA/Usb, dopo aver partecipata ad un picchetto antisfratto sotto casa della signora hanno dato vita ad una manifestazione spontanea che è arrivata fino a via Tiburtina. Quando si è saputo che era in corso lo sgombero della struttura occupata dei Monfortani sulla Prenestina è scattata immediatamente la solidarietà e si è concretizzato un blocco stradale. L'intervento della celere che ha addirittura chiesto il soccorso di un idrante ha fatto salire la tensione e la rabbia: non solo ci togliete casa, adesso ci menate pure. Alla fine la polizia, dopo le cariche anche verso donne e anziani, ha fermato un giovane del quartiere. La questione abitativa chiede da tempo una soluzione e l'amministrazione Raggi ha il dovere di intervenire per garantire un diritto, quello all'alloggio, che viene negato a migliaia di famiglie. Piuttosto che sfratti e sgomberi occorre che l'amministrazione metta in atto il Piano regionale sulla casa, i cui fondi ancora non vengono utilizzati. E soprattutto fermi immediatamente l'azione contro la povera gente a cominciare da lunedì prossimo, 23 gennaio, quando sono annunciati altri 8 sfratti a Tor Vergata, dentro quella vergogna ormai conosciuta dei Piani di Zona. Proprio sui Piani di Zona l'impegno tante volte assunto e ancora disatteso a revocare le concessioni alle ditte truffatrici resta l'unico strumento nelle mani della giunta capitolina per impedire queste ripetute ingiustizie. Ora c'è addirittura il rischio che l'intervento possa avvenire troppo tardi. Per questo è molto importante essere in tanti a difendere queste famiglie lunedì mattina, a partire dalle ore 7.00, a via Marcello Gallian 20 a Tor Vergata. Roma 20 gennaio 2017 Scontri Tiburtina: tensioni durante picchetto antisfratto di san basilio „ Picchetto antisfratto a San Basilio, idranti contro i manifestanti: caos sulla Tiburtina Le tensioni durante la protesta per "difendere dallo sfratto una donna malata di tumore". Ferito un dirigente della Polizia di Stato “ contri Tiburtina: tensioni durante picchetto antisfratto di san basilio „ Tensioni sulla via Tiburtina tra manifestanti e forze dell'ordine. Il blocco sulla strada statale nella zona di San Basilio, dove questa mattina è partito un 'picchetto antisfratto' da via Carlo Tranfo. Una volta raggiunto l'incrocio con la via consolare i manifestanti hanno trovato un grande dispiegamento di forze dell'ordine. Qui, secondo quanto riferisce Asia-Usb e si legge sulla diretta twitter di Dinamo Press, si sono verificate delle "cariche" con l'utilizzo di "idranti". Dei momenti di tensione che, secondo quanto riferiscono dalla Questura di Roma, hanno portato al "ferimento di un dirigente del servizio",  "colpito al volto da un cittadino straniero", con successivo  "ricorso alle cure mediche". PICCHETTO ANTISFRATTO - Il picchetto antisfratto era stato annunciato dalla Carovana delle Periferie per "difendere" una "donna malata di tumore". "L’obiettivo è impedire lo sfratto di Eliana, una donna malata di cancro che ha la sola colpa di essere povera e di aver occupato un appartamento del comune. Di fronte alla latitanza del Comune nel mettere in campo soluzioni sull'emergenza abitativa, gli apparati e i funzionari comunali vanno avanti nella loro guerra contro i poveri. Ma non hanno fatto i conti con la resistenza popolare". SFRATTO AL TIBURTINO III - "Infatti a Tiburtino III - si legge ancora sull'annuncio del picchetto antisfratto - dopo lo sgombero ingiusto di Giulia e di sua figlia ordinato dal Comune di Roma e dopo che le istituzioni (Comune, Regione,) le avevano lasciate senza casa, nel freddo di questi giorni senza nessun aiuto e nessuna risposta, gli abitanti di Tiburtino 3, l’Asia-Usb e la Carovana delle Periferie hanno restituito casa a Giulia e sua figlia. Dimostrando che la solidarietà è un' arma potente che gli abitanti delle periferie e delle case popolari sanno usare". LA NOTA DELLA QUESTURA - Tensioni confermate anche dalla Questura di Roma che in nota stampa scrive: "Un gruppo di circa cento persone, collegate ai “movimenti per l’abitare”, ha effettuato un blocco stradale immediatamente rimosso dall’intervento delle forze dell’ordine. Nell’occasione il dirigente del servizio è stato colpito al volto da un cittadino straniero ed è ricorso alle cure mediche. Le immagini sono al vaglio degli investigatori per l’identificazione dei responsabili". SGOMBERO A COLLE MONFORTANI - Una gioranta di passione, quella dei "movimenti romani", cominciato questa mattina presto con lo sgombero del palazzo della Curia occupato l'8 dicembre del 2015 sulla via Prenestina, nel territorio di Colle Monfortani, periferia est della Capitale. Anche in questo caso si sono registrate tensioni tra maniestanti e forze dell'ordine. Proprio in relazione allo sgombero di Colle Prenestino il picchetto antisfratto di questa mattina a San Basilio ha assunto anche il significato di "corteo in solidarietà con l'occupazione di colli monfortani". “