Abitanti dei quartieri popolari incatenati in Campidoglio, Asia USB: il Comune non disattenda le promesse fatte

Roma -

Giovedì 20 giugno alcune decine di abitanti delle case popolari, provenienti da Tufello, Tor Bella Monaca, San Basilio e altri quartieri delle periferie hanno manifestato in Campidoglio insieme all'Asia USB, incatenandosi di fronte al Palazzo Senatorio per denunciare l’insostenibilità della loro situazione abitativa.

 

Si tratta infatti di cittadini con gravi problematiche, come chi ha dovuto subire sgomberi nonostante l'età avanzata o le condizioni di salute precarie, oppure in una situazione di fragilità particolarmente alta.

 

La delegazione ha chiesto un incontro con l'assessore al Patrimonio e alle Politiche Abitative Rosalba Castiglione, indisponibile per motivi di salute, e alla sindaca Virginia Raggi. Si è invece presentato il vicecapo di gabinetto della sindaca, con delega alla legalità, che ha ricevuto le persone in difficoltà e ha promesso che entro dieci giorni chiamerà uno ad uno tutti gli interessati con una soluzione in mano.

 

Come Asia USB chiediamo che il Comune prenda una posizione pubblica rispetto alle promesse fatte oggi agli abitanti delle case popolari, in modo che si faccia garante della realizzazione delle promesse.

 

L'Asia USB continuerà a vigilare per il buon esito di ogni singola situazione pronta a mobilitarsi di nuovo in caso le promesse dell'amministrazione vengano disattese.

 

Asia USB

Io resto a casa. Ma se non posso pagarla?

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati