I BRACCIANTI DI SALUZZO VOGLIONO CASA, DIRITTI E DIGNITÀ!

Cuneo -

 

PRESIDIO GIOVEDÌ 15 LUGLIO - H.18 - DAVANTI ALL'EX CASERMA MUSSO

Giovedì sera a Saluzzo, Regione Piemonte, Prefettura di Cuneo, comune di Saluzzo, Caritas, consorzio Monviso Solidale assieme a fondazioni bancarie, CGIL Piemonte, Coldiretti e Confcooperative presenteranno "Ubuntu", il loro progetto per l'accoglienza dei braccianti agricoli.

Ogni anno centinaia di lavoratori agricoli migranti che risalgano dal sud Italia per venire a raccogliere la frutta a Saluzzo si ritrovano costretti a lavorare in nero e in grigio, con paghe da fame e a dormire per strada, nonostante casa e contratto siano diritti che i padroni devono garantirgli per legge.

Come Rosarno, San Ferdinando e Torretta Antonacci, Saluzzo rientra nella filiera agroalimentare che garantisce enormi profitti alle multinazionali della grande distribuzione sfruttando e ricattando i lavoratori.

Da troppi anni tutto ciò va avanti con il tacito consenso delle istituzioni e dei sindacati concertativi che non attuano soluzioni concrete e decisive per garantire dignità e diritti a questi lavoratori che portano ricchezza a tutta la città.

Giovedì alle ore 18 saremo con i braccianti di Saluzzo per dire quello che serve realmente per risolvere il problema e che ci serve subito!

VOGLIAMO CASA, CONTRATTO E DIGNITÀ!

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati