INQUILINI RESISTENTI: INCONTRO CON MINISTERO DELLA FORNERO. ANCORA INTERLOCUZIONI E NON DECISIONI!

Roma -

Si è tenuto oggi, come previsto, l’incontro al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in via Veneto 56.

La delegazione dell’ASIA-USB, composta anche dall’avv. Perticaro, è stata ricevuta dal Segretario Generale Dott.ssa Matilde Mancini, il più alto dirigente del Ministero alle dirette dipendenze del Ministro Fornero, che l’ha personalmente incaricata di ricevere la nostra delegazione; dal Direttore Generale Dott. Edoardo Gambacciani e da un altro Dirigente, entrambi con compiti di ‘vigilanza generale sugli enti previdenziali pubblici e privati e nomina dei componenti degli organi collegiali; esame dei bilanci preventivi, ecc.’
La Ministro Fornero era assente perché impegnata in un viaggio in America (come tutti abbiamo appreso dalla stampa di questa mattina).

Il rappresentante dell’ASIA-USB ha illustrato la situazione drammatica che stanno vivendo decine di migliaia di famiglie romane e non(abbiamo parlato di contatti avuti con inquilini di altre città italiane che vivono in case di enti privatizzati e fondi immobiliari, in particolare con quelli dell’Aquila e di Napoli) a seguito delle scelte di dismissione degli alloggi a prezzi di mercato, degli aumenti assurdi degli affitti e degli sfratti già resi operativi per chi non ha potuto rinnovare i canoni ai prezzi richiesti. Inoltre è stata fatta una panoramica delle situazioni già coinvolte: il punto sulle dismissioni dell’Enasarco e sulle contestazioni degli inquilini, sul conferimento ai fondi degli alloggi delle casse ragionieri e geometri, sulle situazioni di dismissioni già in una fase avanzata (Fimit e BdR) come quelle della Sara Assicurazioni, tutte dismissioni a prezzi di mercato senza tutele sufficienti per gli inquilini, sia per chi vorrebbe comprare e soprattutto per chi non può farlo. E’ stata illustrata la situazione della mancata concessione dei mutui a chi vorrebbe acquistare e la lievitazione degli stessi, con un futuro incerto sui loro costi, vista la situazione di crisi economica.

E’ stato portato l’esempio delle famiglie dell’Enpaia, delle Casse ragionieri-geometri-forense che si stanno opponendo a centinaia alle richieste di aumento degli affitti (anche fino a + 300%) e che stanno subendo provvedimenti di sfratto per finita locazione.

Vista questa situazione e il fatto che tutte le istituzioni ai vari livelli si sono impegnate, votando all’unanimità mozioni, a richiedere al governo ed agli enti locali un intervento per affrontare questa nuova emergenza abitativa e sociale, abbiamo richiesto che il Ministro Fornero si facesse carico della convocazione del tavolo inter-istituzionale dove discutere di una moratoria e della ricerca di soluzioni tese a tutelare gli inquilini.

E’ poi intervenuto l’avv. Perticaro che ha illustrato minuziosamente tutte le contraddizioni normative, il fatto che gli enti non hanno rispettato le leggi, che nei bilanci vengono spesso fatte delle forzature al limite del legale e che da parte del Ministero del Lavoro non è stato svolto fino in fondo il ruolo di controllo. A queste affermazioni c’è stato un tentativo da parte del Direttore Generale di difesa dell’operato del Ministero affermando le stesse posizioni che esprimono gli Enti sulla privatizzazione. Si è molto dibattuto sul fatto che essendo latori di contributi obbligatori gestiscono finanziamenti pubblici.

Comunque l’avv. Perticaro ha indicato le norme che non sono state rispettate e ha illustrato le operazioni che stanno portando avanti senza che nessuno li abbia controllati. E’ stato ricordato che sia gli enti privatizzati che i fondi immobiliari e assicurativi hanno costituito i loro patrimoni usufruendo di agevolazioni, sia fiscali che urbanistiche. Molti di questi enti, per giochi di bilancio, hanno accatastato gli immobili alla categoria catastale superiore di quella reale, facendo lievitare il valore degli immobili.

E’ stata illustrata dall’avv. Perticaro  anche la situazione dei portieri dell’Enasarco che stanno perdendo il lavoro e la casa. Anche in questo caso sono state indicate le norme che non sono state rispettate.

Dopo questa lunga illustrazione, la riunione è durata più di un’ora, il Segretario Generale Dott.ssa Matilde Mancini ha richiesto all’avv. Perticaro tutto il fascicolo con le norme citate (che gli è stato consegnato direttamente) e si è impegnata a relazionare al Ministro sia sui contenuti esposti nell’incontro che sulle richieste avanzate dalla delegazione.

Come ASIA-USB pensiamo che sia stato un incontro utile, svoltosi ai massimi livelli del Ministero, che ha permesso sicuramente di far capire ai nostri interlocutori la gravità del problema, ma che però è rimasto ancora sul piano dell’interlocuzione e non della decisione.

 Quindi è necessario mantenere e aumentare la mobilitazione affinché tutti rispettino i loro impegni e si raggiunga l’obiettivo dell’apertura del tavolo inter-istituzionale e la moratoria.

 

ASIA-USB

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni