LA RETE BOLOGNA PRENDE CASA INTERROMPE L'INAUGURAZIONE DI 'URBANIA'

Bologna -

Questa mattina la Rete Bologna Prende Casa ha contestato e interrotto l'inaugurazione di "Urbania", un festival sull'edilizia e l'urbanistica che si tiene nei giorni 29-30-31 gennaio a Bologna.

 

Si è contestata l'idea di città progettata, costruita e diretta dall'alto, in mano ai politici, agli speculatori ai palazzinari.

Un festival che incensa le grandi opere architettoniche, veri e propri schiaffi contro chi oggi è strozzato da un mercato immobiliare sempre più in mano ai privati, dove aumentano gli sfratti e l'emergenza abitativa.

Un festival che non si pone il problema di una nuova edilizia popolare fondata sulla partecipazione dei cittadini e del diritto alla casa per tutti è solo una vetrina per papaveri e palazzinari.

 

La Rete di Bologna Prende Casa rilancia la costruzione di liste per l'auto-assegnazione di case e la mobilitazione contro il progetto di housing sociale, un vero e proprio regalo alla speculazione e un ennesimo tentativo di distruggere l'edilizia popolare.

 

 

Il volantino distribuito durante la contestazione:

 

URBANIA, MA CHE CITTA’?

 

La speculazione edilizia continua ad ingrassare le tasche di palazzinari, amministratori comunali, grandi e piccoli proprietari, banche, fondazioni e manager rampanti. Migliaia sono le persone iscritte nelle liste d'attesa per una casa popolare a prezzi umani, e intanto, nell'attesa, sono costrette a rivolgersi al mercato privato dagli affitti esorbitanti.

Sempre di più sono le persone che colpite direttamente dalle devastanti scelte economiche neoliberiste, hanno visto ridursi o azzerarsi i loro salari e stentano a pagare gli onerosi mutui che gli hanno permesso di acquistare la loro casa o gli affitti, rischiando quotidianamente di perdere tutto. Inoltre, in una città universitaria come Bologna, non si può non ricordare le migliaia di studenti fuorisede, che non trovando un'adeguata sistemazione attraverso le supposte strutture per il diritto allo studio, si rivolgono allo strozzinaggio del mercato privato. Di questa ampia, enorme fetta di popolazione che vive questa città, non vi è alcuna rappresentanza in questo patinato festival internazionale dell'urbanistica, in cui si alterneranno con reverenza pubblica, amministratori, manager, professori e progettisti. Si parlerà dell'housing sociale come risposta all'incapacità dello stato di investire sull'edilizia popolare, dando così in mano ai privati la gestione di un fondamentale bene sociale, subordinando gli affitti alle regole del mercato anziché al principio di accessibilità. Parleranno assessori alla casa di varie città che, se da un lato predicano un ottuso asservimento ai principi della legalità ,dall'altro si mostrano criminosamente silenti di fronte alle migliaia di sfratti in esecuzione sui loro territori in aperta violazione dei basilari principi del diritto umano. Parlerà Rifkin di edifici in grado di generare energia pulita in una città che ha speso milioni di euro per costruire un'avveniristica nuova sede comunale che non rispetta nessun principio di risparmio energetico.

Da questa contraddittoria kermesse non potrà di certo uscire una nuova idea di città almeno che non venga imposta dai poteri forti dell'economia e della politica con il solito spropositato uso delle forze dell'ordine.

Una nuova idea di pianificazione territoriale nasce dal basso, dalla gente che vive il territorio e che comincia ad autorganizzarsi per non lasciarsi più dirigere e depredare. La sostenibilità ambientale e sociale dei progetti urbanistici devono ritornare al centro delle strategie di pianificazione territoriale. La partecipazione deve essere vincolante, ampia e diffusa.

 

Nessuno spazio agli speculatori, ai palazzinari, ai dispendiosi progetti avveniristici dal tremendo impatto territoriale. Le città si riformulano a partire dalla partecipazione e dall'autodeterminazione.

 

Per il diritto alla casa x tutti/e

Per una nuova edilizia popolare

 

 

Rete Bologna Prende Casa

 

bolognaprendecasa.noblogs.org

bolognaprendecasa@autistici.org

 

cell: 3409892393

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati