PAROLE DI LIBERTA', MARTEDì 20 MARZO ORE 16.30, PRESIDIO PIAZZA SANTI APOSTOLI

Roma -

Negli ultimi mesi, i movimenti per il diritto all'abitare stanno registrando a Roma una brusca chiusura nel dialogo con le istituzioni.

Diverse centinaia di uomini, donne e bambini, impegnati quotidianamente nella difesa del diritto alla casa, al welfare e alla cittadinanza, stanno vivendo momenti di angoscia e preoccupazione perché sentono minacciata la stabilità che faticosamente, nella precarietà, sono riusciti a costruire insieme.


Comunità che hanno stretto forti legami nei territori con le scuole, le associazioni sociali, culturali e sportive, praticando percorsi reali di inclusione oggi messi a repentaglio a causa di un atteggiamento incomprensibile che mira a screditare le questioni sociali e a criminalizzare le battaglie per i diritti.

Per questo motivo, i cittadini migranti, accusati di essere strumentalizzati da una "casta bianca", hanno deciso di prendere parola e raccontarsi liberamente nel presidio indetto per domani davanti alla Prefettura.


Invitiamo la città a intervenire al microfono aperto, unendosi a noi nella richiesta di un incontro con il Prefetto per chiedere  il blocco degli sgomberi e che le questioni sociali non vengano affrontate in termini di ordine pubblico.


Gli abitanti e le abitanti di Metropoliz, Casal Boccone e Volonté

 

Roma, 19 marzo 2012

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni