ROMA: PDZ LONGONI, COPPIA DI ANZIANI RISCHIA LO SFRATTO DOPO AVER PAGATO CANONI ILLEGALMENTE MAGGIORATI.

Roma -

 COMUNICATO STAMPA

DOMANI 14 LUGLIO PRESIDIO DEGLI INQUILINI RESISTENTI

L’AS.I.A./USB dà appuntamento domani 14 luglio,a partire dalle ore 8.30, al presidio in Via Pasquarosa Marcelli Bertoletti 4 per difendere dallo sfratto per morosità due coniugi anziani che hanno pagato per anni canoni illegalmente maggiorati e che quindi hanno il diritto alla restituzione di somme pagate in più.

In questo caso lo sfratto è stato richiesto da un privato cittadino che ha acquistato dalla soc. costruttrice e affittato, in palese violazione di legge, la casa di edilizia agevolata.
Addirittura l’attuale proprietario possiede già altri due alloggi (anch’essi di edilizia agevolata!!)  e quindi non potrebbe usufruire di questa tipologia di intervento pubblico.

L’Ufficiale giudiziario ha richiesto più volte l’intervento della forza pubblica, bloccata grazie alla solidarietà di molti cittadini romani.

Tutto ciò e accaduto fino ad oggi grazie alla complicità totale del Comune di Roma (anche nella gestione commissariale) e alla complice inerzia della Regione Lazio, che per legge sono gli enti preposti al controllo amministrativo e di legalità sulla gestione degli interventi di edilizia agevolata realizzati nei Piani di Zona.

Chi ha speculato sui piani di edilizia agevolata ha goduto di queste complicità e non è valso il richiamo al ripristino della legalità più volte fatto anche dall’ex Prefetto di Roma Gabrielli.

L’AS.I.A./USB chiede al nuovo Prefetto di Roma Paola Basilone un intervento diretto di blocco degli sfratti e auspica che la nuova amministrazione comunale, come prevede il programma elettorale del M5S, metta fine alla truffa dei piani di zona e riporti giustizia e serenità tra le decine di migliaia di famiglie vittime della speculazione edilizia che ha stravolto la nostra città.
Roma, 13 luglio 2016

 

ASSOCIAZIONE INQUILINI E ABITANTIUSB

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni