Via del Romito, sgombero del palazzo occupato

Firenze -

La polizia ha fatto uscire gli occupanti dagli appartamenti. Una coppia è salita sul tetto. Un centinaio di persone manifesta in piazza Tanucci

E' stato sgombertato il  palazzo in via del Romito a Firenze, occupato la scorsa settimana da un centinaio di persone tra cui decine di donne e bambini. L'ordine di sgombero viene eseguito dalla polizia, che già ha fatto uscire dagli appartamenti gli occupanti. I vigili del fuoco hanno portato via le bombole. Una coppia di genitori egiziani  è salita sul tetto dell'edificio, ma è stata fatta scendere. Una donna ha accusato un lieve malore ed è stata portata in ospedale. Qualche decina di persone tra occupanti e militanti del Movimento di lotta per la casa si è radunata in piazza Tanucci per manifestare contro lo sgombero. Gli occupanti hanno rifiutato qualsiasi aiuto dal Comune. Venerdì, secondo quanto dichiarato, ci sarà un incontro con la vicesindaco Stefania Saccardi.


 Martedì 28 Gennaio 2014 11:44

Firenze, sgombero in via del Romito. «Rioccupiamo in settimana»

All'alba di stamani cinque camionette di polizia si sono presentate in via del Romito con l'ordine di sgomberare l'occupazione abitativa della palazzina al civico 55, abbandonata da 17 anni e occupata il 22 di questo mese. Lo stabile ospitava 13 nuclei i quali nella giornata di sabato avevano già fronteggiato con successo un tentativo di sgombero. Il blitz di questa mattina e il massiccio impiego di forze dell'ordine ha portato oggi all'evacuazione della palazzina. Sono circa una cinquantina ora gli occupanti senza sistemazione. L'amministrazione comunale fiorentina non fornisce soluzioni adeguate per l'emergenza abitativa e agli occupanti continua a proporre un campeggio (in pieno gennaio!) a Figline Valdarno.

La cronaca della mattinata

Alle prime luci dell'alba la polizia ha militarizzato via del Romito isolando la palazzina occupata. Un gruppo di occupanti è salito il tetto venendo raggiunto dagli agenti della digos. Intanto un folto presidio di oltre una cinquantina di solidali si è raggruppato in piazza Tanucci. I cordoni di polizia hanno tagliato fuori i manifestanti dall'area dove si svolgevano le operazioni di sgombero. Anche l'accesso ai giornalisti è stato impedito. La tensione è salita ulteriormente quando una donna ha accusato un malore ed è stata portata via in ambulanza. Gli occupanti sgomberati si sono raggruppati in presidio davanti al portone per tutelare l'incolumità fisica e legale dei resistenti sul tetto. La digos si è schierata nell'atrio per impedire l'accesso alle case. Solo verso le 10 e 30 gli ultimi occupanti hanno abbandonato il tetto.

Scontro frontale
Tre sgomberi in dieci giorni. Questo il bilancio di un'intensa mobilitazione che sta mettendo seriamente in difficoltà gli inquilini di Palazzo Vecchio e la questura. Da via dei Servi a via del Romito è l'amministrazione Renzi a trovarsi sotto sgombero da parte di chi lotta a Firenze per il diritto all'abitare. Tre ore di trattativa hanno portato a un appuntamento con l'assessore sociale e vicesindaco Stefania Saccardi. Ma il Movimento di lotta per la casa fiorentino annuncia dal suo profilo facebook di essere pronto a rioccupare in settimana se, in linea con la politica di difesa degli interessi dei palazzinari, le proposte continueranno ad essere quelle dell'affidamento di donne e bambini ai servizi sociali e la sistemazione nei campeggi.

Aggiornamento ore 14

Hazza, l'occupante che ha accusato un malore durante lo sgombero ed è stata portata via in ambulanza da via del Romito si trova ora ricoverata in ospedale con una paralisi alla parte sinistra del corpo dovuta allo shock riportato. La donna si era arrampicata sul tetto della palazzina per resistere allo sgombero. Il movimento di lotta per la casa esprime la propria solidarietà alla compagna in ospedale.
Il presidio di piazza Tanucci si è invece mosso in corteo nel quartiere 5 di Riferedi dirigendosi verso gli uffici al sociale della zona.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni