Via libera al decreto sull'Imu. Ora è legge. Abolita la prima rata

Roma -

Senato approva con 175 voti a favore

di <link http: www.si24.it author s-brusca scritti da: stefania>Stefania Brusca. Categoria: <link http: www.si24.it economia-2 tutti gli articoli in>Economia

Approvato in Senato il decreto legge che abolisce la <link http: www.si24.it varata-la-legge-di-stabilita-non-ci-sono-i-tagli-alla-salute>prima rata Imu. Il provvedimento approvato con  175  voti favorevoli, 55 contrari e 17  astenuti, ora è  legge. Stanziate ulteriori risorse per la Cig in deroga e cancellata la prima rata dell’Imu per la prima casa, Iacp e cooperative edilizie a proprietà indivisa, terreni agricoli e fabbricati rurali. Previsto anche il rimborso di circa 2,5 miliardi di euro ai Comuni per compensare il minor gettito legato alla mancata riscossione dell’imposta.  Per la “seconda rata” dell’Imu in calendario a dicembre, i Comuni potranno considerare  prima casa le abitazioni date in comodato ai parenti di primo grado in linea retta che la utilizzano come abitazione principale, ovvero figli o genitori.

Sul fronte delle coperture il governo ha scelto di inserire nel decreto legge una clausola di salvaguardia che ”prevede tagli e accise nella speranza e lavorando affinché però non scatti tale clausola”, ha detto il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta intervenendo in Aula al Senato durante l’esame del provvedimento.

Al fondo di solidarietà per i mutui  sulla prima casa vengono destinati 20 milioni per ciascuno degli anni 2014-2015. Le misure sono destinate principalmente a giovani coppie o genitoriali soli con figli minori, a giovani precari e a famiglie con disabili. Una particolare attenzione è prevista anche per le famiglie numerose. Sul fronte affitti  confermata la riduzione dal 19% al 15% dell’aliquota della cedolare secca per i contratti a canone concordato.

Risorse per la salvaguardia degli esodati. Il decreto riconosceva il beneficio a 6.500 soggetti ai quali  si sono aggiunti, grazie a un emendamento del governo, altri 2.500  in congedo nel 2011 per assistere familiari infermi.

<time class="postdate" datetime="2013-10-24">24 ottobre 2013</time>

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati