VIDEO: Anziani sfrattati dopo più di 40 anni di regolare locazione

Roma -

Le case erano della Sara Assicurazioni, ma da dieci anni appartengo ad un fondo che le ha messe in vendita a prezzo di mercato. Chi non ha potuto accendere un mutuo, spesso a causa dell'età, ora è sotto sfratto per finita locazione

Servizio di Veronica Altimari giornalista videomake

Veronica Altimari

Giuliana Eustachi ha 74 anni, è vedova da 5, e da sola deve anche provvedere al figlio 47enne con una grave disabilità mentale. Nadia Carotenuto di anni ne ha 76 anni e ha perso suo marito un anno e mezzo fa a causa del Covid. Anna invece ne ha 65 e insieme al marito combattono ogni giorno con le loro gravi malattie: “Dove andiamo con mille euro di pensioni in due”, dice Anna.

Queste sono solo alcune delle storie che arrivano dal quartiere Don Bosco di Roma, dai palazzi di via Filomusi Guelfi, dove agli inizi degli anni settanta è stata assegnata una casa a circa 400 famiglie divise tra chi era in emergenza abitativa e chi invece era un dipendente della proprietaria, la Sara Assicurazioni, la quale permetteva affitti agevolati e che “mai e poi mai avremmo pensato di ritrovarci in una situazione del genere 40 anni dopo”, dicono quasi in coro queste tre donne.

"La proprietà vende, ma nessuno ci accorda un mutuo"

Case che da Sara Assicurazioni passano dieci anni fa al fondo Helios, controllato dalla società InvestiRE Sgr, che adesso ha deciso di ultimare l'opera di dismissione mettendole in vendita a prezzi di mercato. Senza tener conto degli affitti regolarmente versati in questi decenni. Ma c’è un problema enorme per chi ha provato ad acquistarle: a causa dell’età non viene concesso il mutuo, oppure viene stabilito a canoni proibitivi oltre i mille euro al mese.

“La vendita degli alloggi di proprietà degli enti sta facendo sprofondare in emergenza abitativa anche il ceto medio - sottolinea Angelo Fascetti del sindacato Asia Usb -. Per questo sono due anni che chiediamo alle istituzioni di intervenire, Comune e Regione, per fermare questo processo”. Il tutto mentre, tra le mani di questi anziani inquilini, c’è l’avviso di sfratto e nessuna soluzione alternativa in cui poter andare a vivere.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati