ALMENO 15MILA PERSONE IN CORTEO PER IL DIRITTO ALLA CASA E ALLA SICUREZZA SOCIALE

Roma -

Sono almeno 15 mila le persone che hanno sfilato per le vie di Roma per chiedere il riconoscimento del diritto alla casa e la fine delle politiche della precarietà, della discriminazione contro i migranti e gli spazi sociali.

«Non c’è sicurezza senza diritti», è scritto su uno striscione che riassume il corteo partito dall'occupazione dell'ex-ospedale Regina Elena, a Roma. Molte migliaia di persone hanno attraversato il quartiere San Lorenzo e poi la zona di piazza Vittorio, accompagnati dalla musica dei sound system dei centri sociali romani che, assieme alle associazioni di migranti, hanno organizzato il corteo di oggi, per chiedere diritti, casa e opporsi a qualsiasi discriminazione, come quella che nelle ultime settimane ha colpito i rom. Anche loro sono nel corteo. L'intervento al microfono da uno dei camion dei centri sociali romani, ha sottolineato come la manifestazione di oggi è un evento importante, perché ha messo assieme, finalmente, soggetti e reti sociali rimasti divisi e lontani negli ultimi anni. Centri sociali e reti dei migranti, innanzi tutto, ma anche movimenti per la casa e contro la precarietà.

Massiccia e caratterizzante è stata la presenta dell'AS.I.A. e dei Blocchi Precari Metropolitani.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni