CASA: IMU; CENSIS, STIMA CROLLO VALORI -20% A FINE ANNO. COSTRUTTORI E IMMOBILIARI CORRONO A TRANQUILLIZZARCI!

Dopo l'annuncio del Censis i costruttori e le immobiliari corrono a tranquillizzare gli italiani allontanando lo spettro della bolla immobiliare. Comprate ... comprate loro sono pronti ad accontentarvi: i mutui e l'IMU penseranno al resto!!

Roma -

 

CASA: IMU; CENSIS, STIMA CROLLO VALORI -20% A FINE ANNO

(ANSA) - ROMA, 18 APR - Nel corso del 2011 nonostante la crisi i valori degli immobili sono rimasti stabili, ha spiegato Roma nel corso di un incontro presso la Confcommercio ma «l'Imu, insieme alla rivalutazione del 60% degli estimi, sono i veri problemi che peseranno sulle tasche delle famiglie italiane le quali, per far fronte all'ulteriore pressione fiscale, prima di intaccare i risparmi - ha detto Roma - ricorreranno alla messa in vendita delle seconde case e questo farà crollare per la prima volta dopo i decenni il prezzo degli immobili». Il direttore del Censis ha definito «un'idrovora» la necessità di risorse richieste dallo Stato e dalla pubblica amministrazione mentre le famiglie si stanno trasformando «da soggetto consumatore a soggetto benefattore che fa fronte alle molte mancanze dello stato sociale. Non si può continuare perennemente in questo modo - ha detto - occorre ridurre la pressione fiscale altrimenti l'asino con troppi pesi sulla schiena finirà per schiantarsi».(ANSA). BRR/IMP 18-APR-12 12:07 NNN
FINE DISPACCIO

 CASA: ANCE, FORTE PESO IMU MA NO BOLLA IMMOBILIARE
ECO S0A QBXB CASA: ANCE, FORTE PESO IMU MA NO BOLLA IMMOBILIARE DIFFICILE CONGIUNTURA,MA DOMANDE CASE RESTA ALTA, PREZZI STABILI (ANSA) - ROMA, 19 APR - In Italia, nonostante la difficile congiuntura per il settore e l'aumento della pressione fiscale non ci sono le condizioni per una bolla immobiliare. Lo afferma l'Ance, l'associazione nazionale dei costruttori edili, sottolineando che il fabbisogno di casa Š ancora elevato, con circa 330 mila nuove famiglie all'anno, e i prezzi sono tendenzialmente stabili. (ANSA). CAO 19-APR-12 18:47 NNN
FINE DISPACCIO

 CASA: ANCE, FORTE PESO IMU MA NO BOLLA IMMOBILIARE (2)
ECO S0A QBXB CASA: ANCE, FORTE PESO IMU MA NO BOLLA IMMOBILIARE (2) (ANSA) - ROMA, 19 APR - «Sono ancora molto negativi i dati del settore delle costruzioni che nel quinquennio 2008/2012 avrà perso in termini di investimenti il 24,1% - spiega l'Ance in una nota -. Nello stesso periodo i livelli produttivi della nuova edilizia abitativa si sono ridotti del 40,4%. In forte flessione - prosegue l'associazione - anche i permessi per la costruzione di nuove abitazioni: dal 2006 al 2010 sono diminuiti del 53%, passando da circa 306.000 abitazioni del picco del 2005 a circa 143.000 del 2010, e pertanto il flusso di nuove abitazioni che arriva sul mercato è in progressiva diminuzione. Ciononostante - ricorda però l'Ance - il numero di nuove famiglie che rappresenta la domanda potenziale di abitazioni aumenta ogni anno a un ritmo di circa 328.000 l'anno: queste dinamiche fanno sì che, pur in presenza di un calo delle compravendite, vi sia una sostanziale tenuta dei prezzi delle abitazioni». Fin dall'inizio della crisi - si legge ancora nella nota - l'Ance ha sostenuto che «in Italia non ci sono le condizioni per lo scoppio di una bolla immobiliare, come invece si è verificato in altri Paesi europei per un eccesso di produzione. Sicuramente l'introduzione dell'Imu sugli immobili, in sostituzione dell'Ici, peserà sui bilanci delle famiglie e delle imprese, ma affermare che produrrà un crollo dei prezzi degli immobili appare non aderente alla realtà e alle caratteristiche del mercato immobiliare italiano ». (ANSA). RIC/RIC 19-APR-12 18:49 NNN
FINE DISPACCIO

 CASA: COSTRUTTORI, PREZZI IMMOBILI SPINGONO DOMANDA AFFITTI
ECO S0A QBXB CASA: COSTRUTTORI, PREZZI IMMOBILI SPINGONO DOMANDA AFFITTI ANCE, OBIETTIVO POSSIBILE DARE ALLOGGIO A 2,2 MLN NUOVE FAMIGLIE (ANSA) - ROMA, 19 APR - Dare una casa ai 2,2 milioni di nuove famiglie che ci saranno nel 2020 è un obiettivo possibile solo con un nuovo Piano per le città, secondo i costruttori edili dell'Ance, in audizione alla Commissione Lavori pubblici della Camera. Il credito e la fiscalità sono i primi nodi da scogliere. I nuovi nuclei sono infatti «solvibili ma non troppo» e, visto il livello della pressione fiscale sulla casa e la stretta sui mutui, si orienteranno sulla locazione. «È necessario immaginare nuove politiche abitative di sostegno all'accesso alla casa, mentre per gli utenti con redditi minimi l'intervento pubblico è essenziale e di maggiore impegno», si legge nella relazione presentata ai deputati nel corso dell'audizione. Le proposte dell'Ance vanno da nuovi contratti che prevedono all'inizio la locazione e poi la proprietà fino a nuovi istituti di credito specializzati in mutui immobiliari, ai quali potrebbe partecipare la Cassa depositi e prestiti. Quanto agli interventi per consentire affitti sostenibili, l'associazione chiede tra l'altro di ripristinare una fiscalità ridotta per gli alloggi in locazione, convinta che le ultime politiche anticrisi «porteranno alla scomparsa delle locazioni a canone concordato con conseguenze pesantissime per le famiglie meno abbienti». (ANSA). Y19-BRB 19-APR-12 17:31 NNN
FINE DISPACCIO

CASA: SCENARI IMMOBILIARI, IMU COLPISCE MA NON AFFONDA IL MERCATO
CASA: SCENARI IMMOBILIARI, IMU COLPISCE MA NON AFFONDA IL MERCATO = Roma, 18 apr. (Adnkronos) - «L'introduzione dell'Imu sta riducendo il reddito disponibile delle famiglie e colpisce la loro possibilità di indebitamento. Ma questo non significa crollo del mercato immobiliare o dei prezzi». Lo afferma il presidente di Scenari Immobiliari, Mario Breglia. «Il numero di scambi non si è contratto nell'ultimo biennio - aggiunge Breglia - e non si è ridotto negli ultimi mesi, perchè l'investimento immobiliare si conferma ancora una scelta valida rispetto agli investimenti finanziari». Secondo il presidente, l'impatto dell'Imu «va a colpire soprattutto la, già bassa, propensione ad investire in locazione, peggiorando la situazione dei giovani e degli immigrati». Breglia esclude crolli nel mercato immobiliare: «Probabilmente ci sarà un leggero incremento dell'offerta di seconde case in località non pregiate - afferma - e sicuramente non si avranno, invece, cali dei prezzi, se non per piccole percentuali» conclude. (Cab/Ct/Adnkronos) 18-APR-12 16:44 NNN
FINE DISPACCIO

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni