HOLDING, USB: «RIPUBBLCIZZARE SERVIZI»

Partecipata assemblea a Roma a Palazzo Valentini per la ripubblicizzazione dei servizi pubblici a partire da AMA, ACEA e ATAC.

Roma -


OMR0152 3 LAV TXT Omniroma-HOLDING, USB: «RIPUBBLCIZZARE SERVIZI» (OMNIROMA) Roma, 14 MAG - «L'unica soluzione per impedire le privatizzazioni è la ripubblicizzazione dei servizi per strappare definitivamente i beni comuni dagli appetiti degli speculatori e della corruzione e per rimetterli in mano alla collettività». Ne è convinta Teresa Pascucci, Usb Roma e Lazio, che ne ha parlato nel corso dell'assemblea del sindacato «La città privata non è un bene comune, ripubblicizziamola» che si è tenuta nella sala di Liegro a palazzo Valentini. «Non pensiamo però di contrastare le privatizzazioni difendendo la gestione dei servizi pubblici così come - ha puntualizzato - Siamo contro il privato ma anche contro questo modo di gestire il servizio pubblico e per questo vogliamo provare ad indicare un percorso da cui ripartire avendo il coraggio di dire che le società Ama, Atac e Acea in testa vanno sciolte e ricostruite con nuovi presupposti». Secondo la rappresentante Usb, infatti, «vanno ricostruite aziende di diritto pubblico, con un solo amministratore, che siano operative e funzionali al servizio da fornire e quindi snelle, con un ridotto apparato amministrativo e pochi dirigenti, ma con un adeguato e qualificato settore operativo, che reclutino il personale attraverso assunzioni pubbliche, che consentano la revoca dei dirigenti e tetti salariali dei manager». red 141813 MAG 12
FINE DISPACCIO

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati