Il Paz: allarme casa, Rimini prima in regione e quarta in Italia per sfratti, che aumentano del 27 %

Rimini -

Il laboratorio Paz Project Rimini rilancia l'allarme casa e attacca le istituzioni, colpevoli di non far nulla per arrestare quest'emergenza. Nei primi 8 mesi del 2013, in Provincia di Rimini, gli sfratti sono stati 852 e sono aumentati del 27 % rispetto allo stesso periodo del 2012. Nella sgradita graduatoria degli sfratti, Rimini è prima in Emilia Romagna e quarta in Italia. Nel contempo, 2300 tra persone singoli e famiglie hanno fatto domanda per un alloggio popolare. Nei primi 5 mesi del 2013 le assegnazioni sono state 24; gli alloggi in via di consegna nel 2014 sono 63, nel 2015 appena 27. 

Il Paz rilancia così uno dei suoi cavalli di battaglia: il riutilizzo delle 16.000 abitazioni sfitte del territorio riminese, senza dimenticare strutture abbandonate e inutilzizate come alberghi e immobili di proprietà di enti locali, fondazioni private, istituzioni religiose e militari.  “Con l'occupazione dello stabile comunale, avvenuta il 7 dicembre del 2013 e la nascita di Casa Madiba" – spiega Federica Montebelli del Lab Paz Project - "abbiamo proposto all'amministrazione e alla città una soluzione praticabile per rispondere a questa emergenza”. 

A fronte di un piccolo investimento per i lavori di ripristino delle strutture e per garantire la loro sostenibilità dal punto di vista energetico, Rimini potrebbe dunque, a detta del Paz, tamponare quest'emergenza che continua a produrre i suoi effetti nefasti nel territorio.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati