LA MOBILITAZIONE CONTINUA: OGGI DA GABETTI, DOMANI TUTTI ALLA REGIONE

Roma -

Questa mattina numerosi inquilini di viale Colli Portuensi 187 hanno presidiato la sede dell’immobiliare Gabetti in Corso d’Italia.

L’iniziativa nei confronti della società mandataria nelle vendite degli alloggi in questione si è resa necessaria di fronte al proseguire nella vendita a terzi senza tenere conto dello stato delle trattative in corso.

In un incontro svoltosi con rappresentanti della Gabetti  si è convenuto di tenere nel giusto conto le proposte avanzate dalla Regione Lazio e si è concordato un ulteriore passaggio da fare con la proprietà, il Fondo Pensioni ex Cassa di Risparmio di Trieste.

Il Fondo, inoltre, sempre questa mattina ha subito un ulteriore smacco nel suo tentativo di perseguire legalmente gli inquilini che non si sono fatti trovare in casa in occasione delle visite organizzate dalla Gabetti per vendere gli alloggi a terzi.

Tutti e cinque gli inquilini citati in giudizio hanno vinto i ricorsi nei confronti del Fondo, che è stato condannato dai giudici al pagamento delle spese processuali. Finalmente un atto di giustizia nei confronti degli inquilini di Viale Colli Portuensi 187!

Il ruolo che oggi deve svolgere la Regione Lazio diventa fondamentale. Per questo domani mercoledì 23 luglio alle ore 11 l’AS.I.A.-RdB e gli inquilini di Colli Portuensi saranno presenti numerosi in via della Pisana 1301, davanti la sede della Regione, per chiedere a questo importante ente locale di fare seriamente la propria parte in materia di politiche abitative.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati