VIA PINCHERLE: INQUILINI OCCUPANO LA SEDE DELLE GENERALI A PIAZZA VENEZIA

Roma -

E’ in corso l’occupazione della sede delle Assicurazioni Generali a piazza Venezia, dove circa cinquanta inquilini di via Pincherle 153/169 - sostenuti da AS.I.A. RdB-  sono intenzionati a rimanere fino a quando non verrà formalmente riaperto un tavolo di trattativa sulla vendita di 116 appartamenti che Generali ha ceduto a Giacomazzi/Area Mestre lo scorso dicembre.

Gli inquilini, che sono entrati dentro l’ufficio di  presidenza delle Generali, ritengono che il colosso assicurativo, responsabile della dismissione, non si possa sottrarre dalle proprie responsabilità dopo aver assunto, prima del passaggio di consegne a Giacomazzi, un impegno formale con il prefetto di Roma e la regione Lazio sul blocco delle vendite a terzi, per consentire l’acquisto in blocco degli appartamenti non opzionati dagli inquilini all’Ater al fine di tutelare chi non ha potuto acquistare.

E’ inaccettabile che gli speculatori della finanza e del mattone –responsabili della crisi economica-  vengano salvati e che a pagare siano i lavoratori, i pensionati, gli anziani, i più deboli.

Chiediamo la riapertura formale di un tavolo di trattativa sul destino degli inquilini di via Pincherle 153/169, con la partecipazione delle Assicurazioni Generali, per ridiscutere la richiesta di acquisto dell’invenduto da parte della regione Lazio, attraverso l’Ater.

Domani, alle ore 16.30, manifestazione cittadina a sostegno degli inquilini di via Pincherle con partenza da piazza Oderico da Pordenone (regione Lazio).

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati